Tag Archives: sostenibilità ambientale. green building

Siglata l’alleanza tra Itaca e Leed per la Certificazione Energetica

Si è finalmente arrivati alla definizione di una certificazione unica che ingloberà in sé protocollo ITACA e LEED, utile a sancire la bontà dell’intervento architettonico dal punto di vista energetico e ambientale nel contesto del green-building italiano.

 Siglata l’alleanza tra Itaca e Leed per la Certificazione Energetica

Certificazione Energetica

In occasione di Eire 2012 (Expo Italia Real Estate), Fiera internazionale dell’Immobile di Milano, è stato infatti firmato un accordo di collaborazione tra Environment Park (il Parco Scientifico e Tecnologico per l’Ambiente di Torino, sostenitore del protocollo ITACA) e Habitech (Distretto Tecnologico del Trentino per l’energia e l’ambiente, sostenitore della LEED Certification, nonché una tra le aziende leader in Italia nella consulenza per l’edilizia sostenibile). un accordo di collaborazione tra Environment Park e Habitech per integrare le rispettive competenze sviluppate in tema di certificazione di sostenibilità degli edifici.

 Siglata l’alleanza tra Itaca e Leed per la Certificazione Energetica

Green Building Council Italia

Da oggi il protocollo Itaca e lo standard Leed saranno inseriti in un unico pacchetto per rispondere anche sul mercato italiano con una proposta più completa alle sempre più esigenti richieste di certificazione energetica e di ecocompatibilità degli edifici.

Vediamo nel dettaglio cosa sono le due certificazioni:

  • Il Protocollo ITACA è un sistema di valutazione della sostenibilità delle costruzioni adottato in 13 regioni italiane. Sviluppato nel 2002 dall’Associazione Federale delle Regioni e Provincie Autonome Italiane, è stato applicato in misure pubbliche di incentivazione e sostegno alle costruzioni come i piani casa e i contratti di quartiere.  Fino ad oggi sono 1.000 gli edifici certificati con ITACA di cui 150 attestati dall’Environment Park, Parco scientifico e tecnologico per l’ambiente di Torino e promotore tecnico-scientifico del sistema.
 Siglata l’alleanza tra Itaca e Leed per la Certificazione Energetica

Certificazione Energetica degli Edifici

  • La certificazione LEED è lo standard di certificazione energetico-ambientale per gli edifici più conosciuto e applicato al mondo, definito e promosso negli Stati Uniti dall’US Green Building Council. Sono circa 12.500 gli edifici già certificati e circa 34.000 quelli in fase di certificazione, a livello di certificazione. In Italia, dal 2009 oltre 120 edifici perseguono la certificazione e 18 l’hanno già raggiunta.
 Siglata l’alleanza tra Itaca e Leed per la Certificazione Energetica

Certificazione LEED

L’obiettivo è quello di implementare in modo importante l’attenzione alla sostenibilità certificata, aumentando il numero di edifici certificati e la relativa qualità ambientale, in un ottica di rilancio di un settore fortemente in crisi come quello delle costruzioni, proponendo quindi un nuovo protocollo unificato per l’integrazione dei servizi di certificazione energetica e ambientale. Il nuovo protocollo ingloberà da un lato la riconoscibilità ed il prestigio internazionale della LEED Certification e dall’altro i criteri applicativi pratici di uno standard diffuso in Italia, quale il protocollo ITACA, proponendo in questo modo una codificazione completa in materia di green building nel mercato italiano.

 Siglata l’alleanza tra Itaca e Leed per la Certificazione Energetica

Green Attitude

In un trend che premia e dà sempre più enfasi alla “green attitude”, ricordiamo che anche i Pavimenti Sopraelevati Nesite rispettano l’ambiente e contribuiscono ad ottenere la certificazione energetica: per ogni informazione potete scrivere qui.

#PugliArch2012: Slow Architecture

La Gab – Associazione Giovani Architetti della Provincia di Bari, inserita nella rete nazionale GiArch – giovani architetti italiani, organizza la prima edizione di PugliARCH-Slow Architecture, il Festival dell’Architettura in Puglia che si svolgerà a Bari e nelle città satellite dal 20 al 23 settembre 2012.

pugliarch2012 #PugliArch2012: Slow Architecture

PugliArch2012

Con il termine Slow Architecture si intende l’architettura che si crea gradualmente, a differenza del modo di costruire rapido e quasi sempre per obiettivi a breve termine. La parola “SlowArchitecture”, presa in prestito dal mondo enogastronomico, nasce per esprimere il concetto di recupero del piacere di vivere l’Architettura e parlare di Architettura come spazio in cui viviamo e agiamo. Sembra che il termine derivi e sia stato preso come riferimento proprio dal movimento Slow Food della metà del 1980 e a torto alcuni lo ritengono solo “incentrato sul tema della qualità e della sostenibilità in architettura”, anche perchè spesso lo si è combinato con un avvicinamento ecologico, o un approccio eco-sostenibile.

Esempio della lentezza è la costruzione delle grandi fabbriche, delle cattedrali che, nelle migliori forme costruttive, architetti e maestranze, realizzarono impiegando secoli, ciascuno lasciando un’eredità alle generazioni di architetti successive per il loro compimento in qualità (vedi ad esmpio la famosa Sagrada Familia di Gaudì). Questa è una dimensione superata, ma lascia spunti di riflessione sulla necessità di rallentare il processo produttivo non necessariamente in termini temporali ma piuttosto qualitativi.

sagrada familia barcelona spain #PugliArch2012: Slow Architecture

Sagrada Familia – Barcelona, Spain

L’idea del Festival, PUGLIARCH 2012, è incentrata sul tema della qualità e della sostenibilità in architettura a partire dal recupero del concetto di “lentezza”.

La Puglia, per le sue caratteristiche di paesaggio e le sue bellezze architettoniche, rappresenta indubbiamente il luogo migliore dove recuperare la lentezza, inteso come un momento di riflessione sulla qualità e la messa a punto di pratiche per il suo recupero. 

MadeExpo 2012: al via i lavori per la V edizione

Il neo Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi ha aperto il 28 Maggio scorso la conferenza stampa di presentazione di MADE expo l’appuntamento con le principali aziende del settore e l’offerta più completa per la filiera delle costruzioni che torna  per la sua V Edizione dal 17 al 20 ottobre a alla Fiera di Milano trattando temi sempre più “green” grazie allo sviluppo di concetti come “sostenibilità” e “rispetto ambientale” al fine di dare rinlancio al settore dell’edilizia e costruzioni.

 MadeExpo 2012: al via i lavori per la V edizione

Made Expo 2012

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=GhU0dqh2fdI&w=560&h=315]

MADE Expo riparte in uno scenario difficile per la filiera edilizia, che vede tutto il settore in una situazione di stallo dovuta a diversi importanti fattori, tra cui i ritardi nei pagamenti da parte delle PA e la difficoltà di accesso al credito per le aziende. La manifestazione è un’occasione importante per il mercato interno, per trovare risposte e soluzioni concrete allo scenario attuale e si trasforma in un’occasione di incontro con la business community internazionale.

r made 12a4 500x700 MadeExpo 2012: al via i lavori per la V edizione

MADE Expo 2012 – Il futuro è adesso

“Siamo di fronte a una crisi profonda – afferma Andrea Negri, presidente MADE eventi srl e vicepresidente Federcostruzioniche sta ristrutturando il mercato delle costruzioni. La leva imprescindibile per rilanciare il settore è indubbiamente il recupero e la riqualificazione dell’esistente e in particolare gli interventi di riqualificazione in chiave energetica e anti-sismica. Il recente terremoto che ha colpito l’Emilia e prima ancora quello in Abruzzo ci hanno drammaticamente ricordato ancora una volta la necessità di intervenire sul rinnovo dell’esistente. Nelle aree ad elevato rischio sismico si trovano 6 milioni 267 mila edifici, con un fattore di rischio inestimabile in termini di vite umane e una somma di costi elevatissimi per la collettività. Per il 2014 si prevede che il valore della produzione in opere di rinnovo e riqualificazione rappresenterà quasi il 70% del mercato grazie ad un trend positivo che già nel 2013 dovrebbe vedere il comparto aumentare di un 1,3% rispetto al 2012 e con un trend in continua crescita anche nel biennio successivo. Tutti questi dati e questi fattori sono il segno di un settore in profonda evoluzione e MADE expo rappresenta per le aziende la chiave di volta per orientarsi in questo cambiamento e superare la situazione di stallo”.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=bRl5wnY4sr4&w=560&h=315]

Uno scenario difficile, quindi, secondo i dati di Federcostruzioni: MADE expo 2012 raccoglie per questa edizione la sfida di rilanciare la filiera delle costruzioni ripartendo dalla valorizzazione dei nuovi settori in crescita, come le energie rinnovabili, e soprattutto della riqualificazione edilizia.

Fonte: Sito Web MADE expo 2012