Tag Archives: pavimento galleggiante

pavimento flottante in vetro - progetto "Leopoldine"

Progetto “Leopoldine”, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Il progetto “Leopoldine” è l’iniziativa promossa e sponsorizzata da Bonifiche Ferraresi, la più grande azienda agricola italiana, volta a contrastare il fenomeno di abbandono e degrado delle leopoldine, edifici storici della Valdichiana. Il recupero interesserà 21 delle 260 leopoldine presenti sul territorio aretino.

Il progetto è entrato nel vivo proprio alla fine dell’anno scorso con la ristrutturazione dell’intero complesso del Podere “I Granai” a Fratta Santa Caterina. La leopoldina in questione, dalla superficie complessiva di circa 1500 metri quadrati, ospiterà il nuovo centro direzionale dell’azienda Bonifiche Ferraresi.

L’intervento prevede la ristrutturazione e il restauro conservativo dello stabile, che includerà la realizzazione di:

  • un’area uffici con annessa una sala meeting al primo piano;
  • un nuovo polo di ricerca e lavorazione per le piante officinali;
  • uno spazio di accoglienza e degustazione dei prodotti all’interno dell’originario porticato coperto a vela.

L’applicazione del pavimento sopraelevato in vetro si è rivelata l’opzione ottimale, in linea con gli obiettivi progettuali che prevedevano sia la salvaguardia che la valorizzazione della pavimentazione originale.

pavimento originale leopoldina Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Dettaglio pavimento originale leopoldina

La posa del pavimento sopraelevato in processi di riqualifica di edifici storici, generalmente, si dimostra un intervento complesso, dovuto principalmente all’irregolarità del piano di appoggio.

Leopoldine: la realizzazione del pavimento sopraelevato in vetro

Il progetto, a cura dell’arch. Vincenzo La Rosa, aveva come obiettivo quello di preservare e rendere visibile nella sua totalità l’antico pavimento in mattonato di una tipica cascina toscana.

Presentava tuttavia notevoli difficoltà di realizzazione: “oltre ad essere estremamente sconnesso” - afferma Fabio di Marco, direttore commerciale di Nesite – ”erano presenti canali di scolo e vi era una posa secondo gli schemi di una volta con la classica schiena d’asino”.

Posa pavimento flottante in vetro1 Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Dettaglio posa pavimento sopraelevato in vetro

Si voleva, inoltre, evitare la consueta cornice perimetrale, anche intorno agli antichi pilastri di sostegno.

Non essendo possibile tagliare a misura in fase di installazione i pannelli in vetro extra-chiaro di spessore 32 mm, si è proceduto con un rilievo 3D per verificare le reali misure ed i fuori squadra delle murature.

Si è, di conseguenza, proceduto alla verifica delle stesse in modo di renderle modulari e simmetriche tra loro. Sono risultate necessarie ben 29 differenti misure, su un totale di circa 410 pannelli, dalla più piccola di mm. 530 x 560 alla maggiore di mm. 900 x 680.

pavimento sopraelevato in vetro Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Inizio posa pavimento in vetro

Successivamente, è stato redatto in loco (misure alla mano) il piano di posa e di ulteriore verifica di dettaglio. Iniziata l’installazione, è stato necessario un blocco chimico ed il livellamento di tutte le colonnine portanti.

Sotto al pavimento è stato previsto anche un particolare sistema di illuminazione.

Il progetto ha sicuramente messo alla prova non solo le nostre competenze tecniche, ma anche le nostre capacità di adattamento alle esigenze architettoniche.

pavimento gallegiante in vetro Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Pavimento flottante in vetro ultimato

Il risultato è sicuramente di altissimo livello, grazie anche alla continua e competente direzione del progettista arch. Vincenzo la Rosa, che ringraziamo per averci dato la possibilità di mostrare le infinite possibilità che offrono i pavimenti sopraelevati NESITE.

lavori metro blu milano

Pavimento sopraelevato Nesite per la Metro Blu di Milano

Dopo la Metro C di Roma e la Metro di Dubai, anche la Metro Blu di Milano ha scelto la qualità dei pavimenti sopraelevati Nesite:  oltre 2.000 mq saranno istallati nei locali tecnici delle stazioni della nuova linea.

La pavimentazione flottante della M4 raggiungerà circa 1 metro di altezza  e sarà composta da pannelli con anima in solfato di calcio ad altissima densità (circa 1600 kg/m³, la più elevata disponibile sul mercato).

Questa tipologia di pannelli rappresenta la miglior combinazione fra qualità tecniche e prestazionali, con ineguagliate caratteristiche in termini di isolamento termico in caso di incendio (circa 60 minuti di resistenza al fuoco) ed isolamento acustico.

Per il rivestimento invece si è optato per il vinile grazie alla sua elevata resistenza e facilità di manutenzione.

La M4 o “Linea blu” collegherà il centro storico con la parte Est (Q.re Forlanini e Aeroporto Linate) ed  Ovest (Q.re Lorenteggio e Stazione San Cristoforo) e, secondo le previsioni, trasporterà oltre 80 milioni i passeggeri ogni anno.

L’innovativo sistema di guida automatica (driverless: senza conducente) adotta una tecnologia per il controllo intelligente del traffico che garantisce ai passeggeri i più elevati standard di sicurezza.

“Siamo orgogliosi di contribuire a questo importante progetto che avvicinerà ancor più Milano agli standard qualitativi delle altre grandi capitali europee” afferma Fabio di Marco, Direttore Commerciale Nesite.

cantiere metro blu Pavimento sopraelevato Nesite per la Metro Blu di Milano

nesite per metro blu milano Pavimento sopraelevato Nesite per la Metro Blu di Milano

pavimento sopraelevato

Il pavimento sopraelevato: un sistema di pannelli e strutture

Parte da oggi, con questo post, una nuova serie di appuntamenti legati al tema del pavimento sopraelevato.  Lo scopo è quello di avvicinare i lettori del nostro blog ad un prodotto forse poco conosciuto nella sua complessità e nelle sue caratteristiche. Lo faremo con un linguaggio semplice, ma allo stesso tempo puntuale e preciso, cercando di toccare tutte le peculiarità che contraddistinguono il pavimento sopraelevato.

Buona lettura!

Cos’è il pavimento sopraelevato?

Il pavimento sopraelevato, chiamato anche “galleggiante”, “flottante” o “falso pavimento”, è un sistema nato per soddisfare le esigenze tecnologiche dei locali tecnici e consentire una facile accessibilità e manutenzione dei sistemi di cablaggio infrastrutturale.

nesite 226 Il pavimento sopraelevato: un sistema di pannelli e strutture

Pavimento sopraelevato

Grazie alle continue evoluzioni tecnologiche, l’utilizzo del pavimento sopraelevato è diventato sempre più diffuso fino a rendere questo prodotto un elemento indispensabile per di edifici moderni ed in particolare per gli ambienti open space: uno degli scopi principali dell’uso del pavimento flottante, infatti, è quello di realizzare ambienti di lavoro flessibili e facilmente adattabili ai cambiamenti.

Il pavimento sopraelevato, inoltre, offre al progettista – architetto un’ampia libertà in fase di progettazione, grazie alle svariate tipologie di pannelli e materiali di copertura, ma nello stesso tempo deve soddisfare i requisiti di precise normative, quali la resistenza e reazione al fuoco, le  caratteristiche meccaniche (carichi concentrati e distribuiti) elettriche (conduttività, antistaticità), acustiche e, non da ultimo, caratteristiche antisismiche.

 I pannelli           

I pannelli modulari a loro volta si compongono di 4 elementi principali: anima, superficie inferiore, rivestimento superiore e bordo.

L’anima del pannello può essere in truciolare, solfato di calcio o altro materiale inerte; l’anima determina le prestazioni del sistema in relazione al fuoco, resistenza meccanica e isolamento acustico.

img truciolare 300x300 Il pavimento sopraelevato: un sistema di pannelli e strutture

Pavimento sopraelevato – truciolare

La superficie inferiore è in alluminio o acciaio e ha la funzione principale di proteggere il pannello, ma può anche essere determinante per alcune prestazioni (es. l’alluminio migliora la resistenza al fuoco, l’acciaio invece aumenta la resistenza meccanica).

Il rivestimento superiore è la parte “visibile” del pavimento sopraelevato e deve quindi soddisfare principalmente la scelta estetica del cliente a cui viene proposta un’ampia gamma di finiture: dalle più economiche, come i laminati plastici e i rivestimenti resilienti omogenei, alle più pregiate, come ceramiche, legni, marmi e graniti, che sono il cuore della gamma Nesite.

marmo naturale 1 Il pavimento sopraelevato: un sistema di pannelli e strutture

Pavimento sopraelevato – Rivestimento in marmo

Il bordo serve per proteggere il pannello nelle fasi di installazione e movimentazione e rappresenta un valore aggiunto per il sistema in quanto è anti-scricchiolio e autoestinguente.

Le strutture           

Il sistema del pavimento sopraelevato è completato dalla struttura di sostegno disponibile in diverse configurazioni a seconda dell’altezza e dei carichi da soddisfare: dal più semplice senza traversi, della famiglia MP, (Multi Purpose) ovvero prevedendo l’utilizzo di vari traversi a seconda delle portate richieste, fino al sistema BPC con traversi pesanti per massime prestazioni.

MPL 1024x1024 Il pavimento sopraelevato: un sistema di pannelli e strutture

Pavimento Sopraelevato – struttura MPL

Gli accessori           

Oltre ai pannelli e alla struttura, Nesite offre una serie di accessori che consentono di completare il sistema del pavimento sopraelevato: dagli accessori di sollevamento a quelli acustici, dai componenti elettrici agli accessori che consentono il passaggio d’aria, all’utilizzatore finale viene offerta un’ampia gamma di prodotti che rendono utilizzabile a livello pratico il sistema.

pedana Il pavimento sopraelevato: un sistema di pannelli e strutture

Pavimento sopraelevato – Accessori

Per un confronto con il pavimento tradizionale ed un approfondimento sui vantaggi del sistema potete visitare la nostra area download: http://www.nesite.com/comunicazione/file-downloads/

 

Nesite avvia un percorso di formazione sul pavimento sopraelevato

Dal mese di dicembre Nesite ha deciso di avviare un percorso dedicato alla formazione che si rivolge alla rete vendita, a tutti gli Area Manager, alle agenzie che rappresentano il brand veneto in Italia e  all’estero e più in generale, a tutti gli addetti ai lavori del settore.

 Nesite avvia un percorso di formazione sul pavimento sopraelevato

Incontri di Formazione Nesite

Gli approfondimenti hanno lo scopo spiegare il vantaggio dell’uso del pavimento sopraelevato, illustrando tutti gli aspetti tecnici delle strutture e dell’installazione, con un focus particolare all’ultimo prodotto nato: Tetris FLOOR Nesite, sistema di pavimentazione flottante ad incastro, e alla  sua variante Tetris KLIMA, il sistema radiante per il riscaldamento e raffrescamento della pavimentazione.

Il primo incontro si è tenuto presso il nostro showroom di Padova, dove era presente tutta la rete vendita Italia e agli Area Manager Nesite, una giornata interamente dedicata all’innovazione di prodotto e alla messa in opera.

Il secondo appuntamento si è svolto a Milano, nel mese di dicembre, presso lo showroom di Nesite in collaborazione con Area Ufficio. In questo caso si è parlato del pavimento sopraelevato e sui nuovi prodotti ad agenti e distributori del Nord Italia.

 Nesite avvia un percorso di formazione sul pavimento sopraelevato

Un momento durante l’ incontro di Formazione Nesite a Milano

 Nesite avvia un percorso di formazione sul pavimento sopraelevato

Un momento durante l’incontro di Formazione Nesite a Milano

Nel mese di gennaio 2013 il corso di formazione Nesite si è spostato a Udine, presso la sede di WWTS agenzia di rappresentanza importante per marchi d’arredo e design, e nuovo agente di Nesite per la Russia, Bielorussia, Moldavia, Ucraina, Georgia, Azerbaigian, Turkmenistan, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan e Armenia.

 Nesite avvia un percorso di formazione sul pavimento sopraelevato

Antonio Frizzerin spiega nell’incontro a Udine le caratteristiche del Pavimento Sopraelevato Nesite

Crediamo che sia molto importante far conoscere in maniera approfondita i dettagli tecnici dei nostri prodotti alla rete vendita, in primis, e più in generale agli addetti ai lavori, affinché tutti i vantaggi che il nostro sistema offre possano essere sfruttati a pieno” spiega Antonio Frizzerin, responsabile del progetto. “I nostri nuovi sistemi Tetris Floor e Tetris Klima, in particolare, possono inserirsi in ambiti che finora non vedevano l’uso del pavimento sopraelevato NESITE, estendendo il vantaggio della flessibilità a nuove applicazioni, con conseguente aumento del comfort degli ambienti”.

Il prossimo evento legato alla formazione sul pavimento sopraelevato Nesite si terrà a Genova a Marzo 2013.

—-

Since December Nesite decided to start a course dedicated to training that caters to the sales network, to all the Area Manager, the agencies that represent the brand in Italy and abroad and in general, to all those in the sector jobs.

The insights are intended to explain the advantage of the raised floor, explaining all the technical aspects of the structures and the installation, with a particular focus on the last product born: Tetris FLOOR Nesite, floating floor system of interlocking, and its variant Tetris KLIMA, the radiating system for heating and cooling of the pavement

The first meeting took place in Padua, at the showroom of the brand, which was present throughout the sales network and the Area Manager Italy Nesite, a day dedicated to product innovation and implementation.

The second event was held in Milan in December, at the Nesite showroom in collaboration with Area Office. In this case there has been talk of the raised floor and new products to agents and distributors in Northern Italy.

In January 2013, the training course Nesite moved to Udine, at the headquarters of WWTS agency representation for important brands of furniture and design, and new agent Nesite for Russia, Belarus, Moldova, Ukraine, Georgia, Azerbaijan, Turkmenistan, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Tajikistan, Uzbekistan and Armenia.

We believe it is very important to know in depth the technical details of our products to the sales network, first, and, more generally, to insiders, that all the advantages our system offers can be exploited to the full” said Antonio Frizzerin, the project manager.Our new systems and Tetris Tetris Floor Klima, in particular, can fit into areas that have not seen the use of the raised floor NESITE, extending the advantage of flexibility to accommodate new applications, which increases the comfort of the rooms.

The next event related to training on Nesite raised floor will take place in Genoa in March 2013.

Nesite entra nel Data Center della Biblioteca Vaticana

L’interno del Data Center della Biblioteca Apostolica Vaticana cambia veste grazie ai nostri pavimenti sopraelevati. Il rifacimento totale della pavimentazione –che si è reso necessario per sostituire un pavimento danneggiato – copre una superficie di circa 200 mq.

Sia per i 90 mq adibiti ad uffici operativi  che per la zona in cui vi sono macchinari e apparati tecnici (circa 100 mq) sono stati utilizzati i pannelli Nesite in solfato e laminato. 

pavimento nesite bav Nesite entra nel Data Center della Biblioteca Vaticana

Data Center – Biblioteca Apostolica Vaticana

Un percorso in vetro circonda il perimetro dei macchinari creando “un camminamento” per rendere esteticamente più bello l’intero progetto. I pannelli sono in vetro, e fanno parte della nostra linea High Class: nello specifico sono stati utilizzati 10 pannelli in vetro trasparente a cui sono stati applicati degli “stencil” con il logo della Biblioteca Apostolica Vaticana e altri 12, opachi e privi di scritte. Tutta la pavimentazione in vetro ha dimensioni di 600x600x26 mm  con un’anima costituita da tre strati di vetro trasparente accortati tra loro con un film in materiale plastico di spessore 8+10+8 mm formanti un corpo unico di spessore 26mm bordati in materiale plastico semirigido, autoestinguente ed antiscricchiolo.

datacenter 7 Nesite entra nel Data Center della Biblioteca Vaticana

I Pavimenti Nesite all’interno del Data Center della Biblioteca Vaticana

Il progetto è nato per la digitalizzazione dell’archivio segreto e dei testi antichi conservati nella Biblioteca Apostolica Vaticana. Nel Data Center si immagazzinano dati di vario genere come, ad esempio la registrazione  del controllo accessi ai tornelli, il controllo di contatti di posta elettronica, ecc. Inoltre l’archivio sarà presto dotato di uno scanner di ultima generazione, capace di leggere testi di manoscritti e antiche pergamene non consultabili fisicamente. Questo permetterà lo studio e il recupero di antichi testi, fotografando i documenti in profondità, superando circa 8 strati, per inviarli poi al Data Center per acquisizione. 

Per questo progetto abbiamo tenuto conto, non solo dell’aspetto tecnico, ma anche delle esigenze del cliente in termini di tempi di installazione e posa in opera: per non disturbare il consueto svolgimento lavorativo infatti, i nostri tecnici hanno smontato il vecchio pavimento danneggiato in più tranche (circa 50 mq alla volta) per poi sostituirlo e installarlo senza creare disagi agli addetti ai lavori.

Per maggiori informazioni sul progetto o sui nostri prodotti potete compilare il seguente form:

[contact-form-7 404 "Not Found"]

———–

Thanks to the Nesite raised floor, the inside of the Data Center of the Vatican Apostolic Library has changed. The entire renovation of the pavement – that it was necessary to replace an injured floor – covers an area of ​​about 200 square meters.

For both the 90 meters of office space and that for the operational area where there are machinery and technical equipment (100 sqm) were chosen sulphate and laminate panels.

A glass corridor surrounds the perimeter of the machinery creating “a path” to make the entire project more aesthetically pleasant. The panels are made of glass, and belong to the High Class Nesite product line: precisely, were used 10 clear glass panels to which were decal with the Vatican Library logo, and 12 more dull panels without any written. The entire glass flooring has a dimension of 600x600x26mm, with a core made of  three transparent glass layers linked together with a plastic film of 8 +10 +8 mm thickness making a single body of 26mm thickness edged with a plastic semi-rigid, self-extinguishing and antisqueak material.

The project was created for the digitization of the secret and ancient texts preserved in the Vatican Library. Various kind of data are stored of in the Data Center such as, for example the registration of the access control to the turnstiles, the control of email contacts, etc.. In addition, the archive will soon be equipped with the latest generation of scanners capable of reading texts of manuscripts and ancient scrolls not available physically. This will allow the study and recovery of ancient texts, photographing documents in depth, exceeding about 8 layers, then send them to the Data Center for the  acquisition.

For this project, we have taken care not only the technical needs but also the requirements of the customer in terms of timing and installation: as to not disturb the normal operations of the business, in fact, our technicians have removed the old damaged floor in several tranches (about 50 square meters at a time) and then replace and install it without creating inconvenience to the workers.

Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Abbiamo deciso di dedicare un post al nuovo nato in casa Nesite.

Si tratta di Tetris FLOOR un nuovo sistema di pavimento sopraelevato ad incastro. Tra i molti vantaggi del pannello, la variante Tetris KLIMA, il sistema radiante per il riscaldamento e raffrescamento della pavimentazione, permette una maggiore libertà nella progettazione: la presenza di antiestetici fancoils o caloriferi può limitare la creatività degli architetti. Al contrario, con Tetris KLIMA si liberano spazi e si può sfruttare ogni angolo del locale.

 

tetris1 Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Tetris FLOOR

Grazie alla speciale lavorazione maschio/femmina sulla costa del pannello, il sistema Tetris permette la posa a secco, senza uso di acqua,  il che riduce notevolmente i tempi di costruzione, azzerando i problemi dovuti all’asciugatura, ed alle possibili infiltrazioni di umidità.

Nel creare questo nuovo sistema ad incastro, Nesite, ha tenuto conto sia della resistenza ai carichi sia della durata nel tempo del prodotto, rendendole caratteristiche fondamentali di Tetris FLOOR. I pannelli arrivano già pronti per la posa in cantiere: in fabbrica infatti  viene applicato su ciascuno uno strato di primer – una vernice antipolvere –  per proteggerli durante il trasporto e la posa, in modo da garantire già dall’inizio un’ottima protezione all’abrasione.

tetris2 Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Tetris FLOOR – il sistema ad incastro -

Il pannello Tetris è composto da solfato di calcio, un materiale classificato in classe A1,  non combustibile secondo le vigente norme europee.

Tetris FLOOR permette l’implementazione di Tetris KLIMA, un sistema di riscaldamento e raffrescamento radiante applicato al pavimento sopraelevato.

Tutto ciò consente  di ottenere nell’arco dell’anno un migliore comfort climatico ed assicurare, nello stesso tempo, un efficiente consumo energetico.

Con Tetris KLIMA la variazione di temperatura si consegue in modo “dolce”, senza alcun movimento d’aria.

Per informazioni più dettagliate potete contattarci anche qui!

Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Abbiamo deciso di dedicare un post al nuovo nato in casa Nesite.

Si tratta di Tetris FLOOR un nuovo sistema di pavimento sopraelevato ad incastro. Tra i molti vantaggi del pannello, la variante Tetris KLIMA, il sistema radiante per il riscaldamento e raffrescamento della pavimentazione, permette una maggiore libertà nella progettazione: la presenza di antiestetici fancoils o caloriferi può limitare la creatività degli architetti. Al contrario, con Tetris KLIMA si liberano spazi e si può sfruttare ogni angolo del locale.

 

tetris1  Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Tetris FLOOR

Grazie alla speciale lavorazione maschio/femmina sulla costa del pannello, il sistema Tetris permette la posa a secco, senza uso di acqua,  il che riduce notevolmente i tempi di costruzione, azzerando i problemi dovuti all’asciugatura, ed alle possibili infiltrazioni di umidità.

Nel creare questo nuovo sistema ad incastro, Nesite, ha tenuto conto sia della resistenza ai carichi sia della durata nel tempo del prodotto, rendendole caratteristiche fondamentali di Tetris FLOOR. I pannelli arrivano già pronti per la posa in cantiere: in fabbrica infatti  viene applicato su ciascuno uno strato di primer – una vernice antipolvere –  per proteggerli durante il trasporto e la posa, in modo da garantire già dall’inizio un’ottima protezione all’abrasione.

tetris2  Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Tetris FLOOR – il sistema ad incastro -

Il pannello Tetris è composto da solfato di calcio, un materiale classificato in classe A1,  non combustibile secondo le vigente norme europee.

Tetris FLOOR permette l’implementazione di Tetris KLIMA, un sistema di riscaldamento e raffrescamento radiante applicato al pavimento sopraelevato.

Tutto ciò consente  di ottenere nell’arco dell’anno un migliore comfort climatico ed assicurare, nello stesso tempo, un efficiente consumo energetico.

Con Tetris KLIMA la variazione di temperatura si consegue in modo “dolce”, senza alcun movimento d’aria.

Per informazioni più dettagliate potete contattarci anche qui!

Nesite e il web: tra blog e social network ecco le novità

Nesite ha deciso di sfruttare strategicamente i nuovi canali del web 2.0 rendendo partecipi così i propri clienti – e non solo – alla storia e agli eventi di Nesite. Un modo per creare un filo diretto con il proprio target di riferimento coinvolgendolo nelle proprie iniziative e diventando così un punto di riferimento per il mercato del pavimento sopraelevato.

 Nesite e il web: tra blog e social network ecco le novità

Blog

Riteniamo che il social media marketing sia la comunicazione del futuro. Il Web 2.0 ha visto un cambiamento radicale del mondo di generare e gestire le informazioni -  spiega la Dott.ssa Rosanna Liseno, Responsabile Marketing del brand Nesite. Grazie ai social oggi possiamo creare un contatto diretto con gli utenti ed instaurare con loro un rapporto bidirezionale, con uno scambio di opinioni più diretto e flessibile da entrambe le parti. Per questo ci siamo rivolti a OnOff Communication, agenzia specializzata in comunicazione integrata: la nostra scelta aziendale è dettata da una visione strategica di un nuovo modo di fare comunicazione e marketing che Nesite vuole cogliere e valorizzare al fine di avvicinarsi ai propri clienti

 Nesite e il web: tra blog e social network ecco le novità

Nesite Social

Il profilo Facebook di Nesite attraverso la sua Timeline continuamente aggiornata, permette ai fan di essere informati non solo sui principali eventi aziendali ma su tutte le novità date dal settore dell’edilizia, dell’architettura e del design. Anche su Twitter, Youtube e il nuovo Google+ la presenza del marchio Nesite è ben consolidata riuscendo ad interagire con la propria audience e creare coinvolgimento nel consumatore.

Proprio per la vocazione tipica di Nesite a rinnovarsi continuamente, un nuovo progetto social coinvolgerà a brevissimo il blog che, da settembre 2012 sarà protagonista di un piano editoriale mirato che fungerà da salotto virtuale ad una serie di appuntamenti tra il brand veneto e la propria audience.

Continuate a seguirci, le sorprese non mancheranno!

Pavimenti Sopraelevati Nesite: nasce Twin Floor

Nell’ambito di una continua ricerca tecnologica, legata al recepimento delle nuove esigenze architettoniche e di una maggiore sensibilità del mercato verso l’arredo degli esterni, NESITE ha progettato un nuovo sistema di pavimento sopraelevato unendo alle novità del design e dell’estetica le migliori caratteristiche tecniche presenti oggi sul mercato. Sempre maggiore attenzione viene data ai dettagli costruttivi che possono valorizzare gli immobili migliorandone le finiture, oggi però si rende necessario elevare anche le caratteristiche tecniche ed energetiche oltre al confort abitativo. Il pavimento sopraelevato per esterno “Twin Floor” è nato anche per migliorare la classificazione termica ed acustica dell’edifico e per contenere i costi di manutenzione dell’immobile.

disegno twinfloor Pavimenti Sopraelevati Nesite: nasce Twin Floor

Pavimento Sopraelevato Twin Floor NESITE

DESCRIZIONE TECNICA

Il pannello modulare è composto da una lastra superiore in gres porcellanato antiscivolo ed una inferiore con funzione di rinforzo. Le due lastre, che formano un pannello di dimensioni nominali 600x600mm con spessore totale da 22 a 26 mm, sono tra loro saldate con appositi adesivi scelti e selezionati per resistenza, elasticità ed inalterabilità nel tempo ed agli agenti atmosferici.

Il Pavimento Sopraelevato Twin Floor consente:

Facilità di ispezione e rapido accesso al plenum sottopavimento, nel caso in cui si rendessero necessari eventuali interventi di riparazione delle guaine isolanti con conseguente risparmio sui costi di demolizione e ripristino dei massetti e dei materiali di finitura e sulle tempistiche di intervento.

• Miglioramento dell’isolamento termico, grazie all’intercapedine tra il piano di calpestio e la soletta.

Areazione all’interno del plenum con conseguente eliminazione dell’umidità di risalita e del gas radon.

Miglior deflusso dell’acqua piovana rendendo il pavimento immediatamente asciutto e sicuro.

Velocità di posa rispetto ai sistemi tradizionali con conseguente risparmio in termini di tempo. L’assenza di tempi di assestamento elimina i rischi di infiltrazioni di acqua nel massetto.

Risparmio nei costi poiché non è più necessaria l’esecuzione del massetto cementizio di protezione sopra la guaina ed il successivo incollaggio del materiale di finitura.

• Evitare l’utilizzo di collanti chimici e cementizi. E’ ecologico nei suoi componenti.

Il pannello TWIN FLOOR è disponibile in due tipologie:

TWIN FLOOR L (con spessore circa 22 mm)

Il pannello TWIN FLOOR nella versione L prevede l’accoppiamento della finitura superiore in gres tramite collante specifico ad un supporto costituito da un’anima strutturale omogenea, ecocompatibile, sinterizzata ad altissime temperature, di spessore 11 mm. Tale supporto garantisce la massima stabilità dimensionale anche in presenza di umidità, acqua e cambiamenti di temperatura. Il pannello avrà quindi uno spessore totale di circa 22 mm; può essere realizzato senza bisellatura o con un leggero rompifilo. La speciale lavorazione tronco-conica dei bordi favorisce il deflusso delle acque meteoriche e la risalita dell’umidità. Ideale per attici, terrazze private, gazebo. Può anche essere applicato a secco direttamente su ghiaia o erba.

disegno twinfloor l Pavimenti Sopraelevati Nesite: nasce Twin Floor

Pavimento Sopraelevato Twin Floor L NESITE

TWIN FLOOR S (con spessore circa 26 mm)

Il pannello TWIN FLOOR nella versione S prevede l’accoppiamento della finitura superiore in gres o lapidei tramite collante specifico ad un supporto costituito da un’anima strutturale omogenea e fibrorinforzata, con densità 2.200 Kg/m3 e spessore 15 mm. Tale supporto è costituito completamente da elementi riciclati, pressati e sinterizzati ad altissime temperature; il risultato è un prodotto con elevate prestazioni meccaniche che garantisce stabilità dimensionale in presenza di umidità, acqua e cambiamenti di temperatura.

Il pannello avrà quindi uno spessore totale di circa 26 mm; può essere realizzato senza bisellatura o con un leggero rompifilo. La speciale lavorazione tronco-conica dei bordi favorisce il deflusso delle acque meteoriche e la risalita dell’umidità. Ideale per pavimentare atri esterni di locali pubblici, terrazze ad alto traffico o di particolare pregio.

disegno twinfloor s Pavimenti Sopraelevati Nesite: nasce Twin Floor

Pavimento Sopraelevato Twin Floor S NESITE

Struttura per esterno

La struttura di sostegno è composta da supporti in materiale plastico in due conformazioni principali:

• Supporti fissi, formati da un pezzo unico, hanno una altezza fissa che può variare da 12 mm a 19 mm. Sono dotati di quattro distanziatori che permettono di realizzare la fuga tra i pannelli. Il materiale usato è particolarmente resistente agli sbalzi di temperatura, alle soluzioni acide e basiche ed agli agenti atmosferici.

• Supporti regolabili, costituiti da una testa a martinetto nervata nella parte inferiore. La base di appoggio é concava nella parte inferiore ed è antisdrucciolo; i fori laterali consentono il deflusso delle acque piovane. La ghiera permette una facile e millimetrica regolazione in altezza del supporto e assicura un perfetto livellamento finale della pavimentazione.

Per avere maggiori informazioni riguardo a Twin Floor e a tutti i prodotti NESITE, potete visitare il nostro sito www.nesite.com, oppure compilare il form online !

Nesite fornirà 9.000 mq di pavimento sopraelevato per la Metro C di Roma.

Nesite fornirà la pavimentazione sopraelevata dei locali tecnici di dodici fermate – le tratte T4, T5 e T6A – della nuova Metro C di Roma.

I punti di forza del brand, che si è aggiudicato la fornitura, sono stati quelli di consentire  una pavimentazione flottante alta fino ad 80 centimetri da terra, e la capacità di garantire un controllo di qualità elevatissimo.

Tutti pavimenti Nesite consegnati, sono stati sottoposti non solo al normale controllo qualità, ma anche a una verifica su tutte le materie prime in ingresso e, non ultimo, un’ulteriore perizia a campione sul prodotto finito consegnato. Quest’ultimo test prevede un prelievo in cantiere del pavimento Nesite: il pannello, inviato in laboratorio, viene sottoposto a controlli dimensionali, di portata e di resistenza ai carichi statici.

Per questo progetto abbiamo messo in atto un rigido piano di fabbricazione e controllo qualità” spiega Antonio Frizzerin – Responsabile Qualità Nesite – “Questo ci ha permesso di monitorare tutti i processi legati alla produzione del pavimento e garantire la qualità del prodotto.

La Metro C di Roma è la linea di trasporto pubblico urbano su rotaia più lunga d’Italia, ben 25 km, ed è la prima linea metropolitana di Roma a spingersi oltre il limite del Raccordo Anulare, avvicinando la periferia più lontana al Centro Storico. Un progetto originale, realizzato per buona parte in sotterraneo (quasi 18 km) ad una profondità di 25/30 metri sotto il livello stradale.

thumb metro01 ita Nesite fornirà 9.000 mq di pavimento sopraelevato per la Metro C di Roma.

Pavimenti Sopraelevati Nesite