Tag Archives: ecosostenibilità

Pavimenti sopraelevati Nesite per la sede Stiga

STIGA: la nuova sede GREEN sceglie i pavimenti Nesite

Un cantiere da record e una rete di fornitori esclusivamente locali: STIGA, realtà svedese leader nella produzione di attrezzature da giardinaggio, ha inaugurato la nuova sede direzionale dopo soli 10 mesi dall’inizio dei lavori.

Il nuovo headquarter si sviluppa su tre livelli, per una superficie totale di 2.500 mq, ed è stato pensato per creare un ambiente di lavoro stimolante e dinamico, favorendo lo scambio di informazioni e idee fra chi lo vive e vi lavora.
interno sede Stiga STIGA: la nuova sede GREEN sceglie i pavimenti Nesite

Interno STIGA – © D+R Architettura

DESIGN FUNZIONALE, MATERIALI BIOCOMPATIBILI, RISPARMIO ENERGETICO: le scelte in linea con i valori di un’azienda che punta su tecnologia e innovazione, nel rispetto dell’ambiente e delle persone.

Oltre l’80% del materiale adoperato è riciclabile e sono state coinvolte esclusivamente aziende locali (dislocate nel raggio di 30 km di distanza dalla nuova sede) per un minor impatto ambientale anche in fase di realizzazione.

La progettazione è stata caratterizzata dall’analisi climatica del luogo, che ha portato alla definizione della “matrice ambientale” suddivisa in strategie estive e invernali valide tutto l’anno.

L’edificio è dotato di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica e di un impianto termo – tecnico a pulsione con riciclo di area interna.

Elemento distintivo le facciate, circa 1.000 mq realizzati in vetro ad alta prestazione energetica su tutti e 4 i lati, simbolo di trasparenza, accoglienza e dialogo.

Pavimenti sopraelevati Nesite sede Stiga STIGA: la nuova sede GREEN sceglie i pavimenti Nesite

Nuova sede STIGA – © D+R Architettura

Nesite è stata incaricata della realizzazione completa della pavimentazione.

Il “sistema pavimento Nesite”, attentamente vagliato dallo studio di progettazione, è composto da pannelli in solfato di calcio ad altissima densità e spessore 30 mm., rivestiti in gres porcellanato, soluzione che, oltre a soddisfare le elevate esigenze di biocompatibilità, rappresenta una ottima combinazione fra facilità di manutenzione, prestazioni tecniche e confort ambientale.

Un pavimento sopraelevato Nesite che, nel caso specifico, risponde pienamente ai requisiti richiesti, come:

  • isolamento termico, che, oltre a contribuire a migliorare le performance climatiche dell’edificio, garantisce anche massima sicurezza in caso di incendio;
  • comfort acustico, dovuto alla elevata densità del materiale di supporto che, accoppiato alla lastra di gres con un particolare sistema desolarizzante, assicura un elevato abbattimento dei rumori da calpestio;
  • prestazioni meccaniche, per un “sistema pavimento” con elevate capacità di resistenza ai carichi.

CONTATTACI »

Klimahouse 2018

Klimahouse 2018: le novità

Torna a Bolzano dal 24 al 27 gennaio Klimahouse 2018, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica ed il risanamento in edilizia, giunta alla tredicesima edizione.

La manifestazione fieristica, in programma a Fiera Bolzano, mostra come nell’edilizia oggi esistono alternative economiche e tecniche in grado di garantire un risparmio energetico consistente.

Al centro di Klimahouse 2018 le novità di settore proposte dalle aziende espositrici alle quali si affianca un ricco programma di congressi, eventi formativi e visite guidate.

COSA RISERVA QUESTA EDIZIONE?

Esperti internazionali e operatori di settore si incontreranno al Congresso Internazionale in programma a Klimahouse per nuovi impulsi al mercato.

Il Congresso sarà suddiviso in due sessioni di mezza giornata, il 25 e 26 gennaio, e vuole essere un contributo all’interno del più ampio dibattito per un riposizionamento di tutto il settore edilizio.

congresso internazionale klimahouse 20181 Klimahouse 2018: le novità

La prima giornata sarà focalizzata sull’edilizia responsabile con l’introduzione di uno dei più stimati esperti italiani di aspetti strutturali in edilizia, Gian Michele Calvi, che ha svolto la sua attività professionale e di insegnamento in tutto il mondo riunendo nel suo lavoro le migliori esperienze internazionali.

A seguire, Konrad Bergmeister che affronterà il tema delle grandi infrastrutture. Con l’ausilio di esempi concreti illustrerà le sfide per una moderna progettazione e una sicura esecuzione anche di opere “estreme”.

Polo Rocchi presenterà il progetto di risanamento strutturale del Palazzo delle Esposizioni a Roma, un lavoro di riqualificazione e messa in sicurezza sismica che ha suscitato enorme interesse anche a livello internazionale. A conclusione della giornata, prenderà la parola l’altoatesino Werner Tscholl, insignito dall’Ordine nazionale degli architetti del premio “Architetto Italiano 2016”.

La seconda parte del Congresso, focalizzata sulla tensione tra “high e low tech”, si svolgerà durante la mattinata del 26 gennaio e sarà aperta da un esperto di smart materials, Eric Höweler, che porterà il pubblico a volgere lo sguardo al futuro, guidandolo all’interno di progetti altamente tecnologici.

Sarà presente inoltre uno degli studi d’architettura più affermati al mondo, Snohetta, vincitore con i suoi “dischi volanti” del concorso internazionale per la riqualificazione della collina del Virgolo sopra Bolzano.
snohetta progetto collina Virgolo Klimahouse 2018: le novità

Lo stand Nesite al Klimahouse 2018

Nesite sarà presente insieme al partner FloorTech con l’innovativo pavimento sopraelevato Diffuse, il sistema radiante sviluppato e progettato per l’ottimizzazione della più alta efficienza termica.

Ci troverete nel settore CD, stand C 20/36, vi aspettiamo!

PROGRAMMA COMPLETO KLIMAHOUSE 2018 »

deltaROSSO esterno 2 copia

Pavimento sopraelevato radiante Diffuse per DeltaROSSO, l’edificio svizzero a zero impatto ambientale

DeltaROSSO è un edificio residenziale ad alta efficienza energetica situato nel comune di Vacallo (Canton Ticino) in prossimità del centro storico.

deltaROSSO Interno 5 copia Pavimento sopraelevato radiante Diffuse per DeltaROSSO, ledificio svizzero a zero impatto ambientale

Firmato deltaZERO, studio di progettazione di Lugano specializzato in progetti di design ad alto tasso tecnologico, il progetto si sviluppa su 1.500 mq per 16 appartamenti ricavati da un unico volume poggiante sui due piani seminterrati dello stabile pre-esistente, che funge da basamento a tutta la struttura.

Si tratta di un edificio tecnologicamente avanzato e progettato per raggiungere lo standard deltaZERO (zero consumi e zero emissioni): pensato per la massima riduzione delle emissioni inquinanti grazie all’utilizzo di fonti rinnovabili, deltaROSSO è certificato Minergie P, uno standard di costruzione con requisiti molto restrittivi, che impone un impiego razionale dell’energia migliorando allo stesso tempo la qualità di vita, la competitività e riducendo l’inquinamento ambientale.

Contemporaneo nell’aspetto, con ampie vetrate e un rivestimento in vetro di tutto l’involucro, l’edificio è caratterizzato da rifiniture di design e dotato delle più avanzate tecnologie per il comfort abitativo.

Questo comfort è reso possibile da un involucro della costruzione di elevata qualità e da un sistematico rinnovo dell’aria, garantito da un impianto di aerazione controllata.

Deltarosso Diffuse copia Pavimento sopraelevato radiante Diffuse per DeltaROSSO, ledificio svizzero a zero impatto ambientaleAltro elemento importante è il pavimento sopraelevato radiante Diffuse, il primo pavimento sopraelevato radiante completamente accessibile che coniuga la flessibilità di un pavimento tecnico, scelto per soddisfare le necessità contemporanee di un edificio residenziale ad alto tasso tecnologico, con l’efficienza ed il comfort di un pavimento radiante.

Materiale fornito da Nesite 

1500 mq di Pavimento sopraelevato radiante Diffuse costituito da:

- Pannelli Twin floor 60×120 cm con anima di soli 26 mm di spessore ad altissima densità con ottima resistenza meccanica e impermeabilità; rivestimento in gres porcellanato

- Struttura di sopraelevazione in acciaio galvanizzato con speciale doppia testa per supportare congiuntamente i pannelli di finitura ed i pannelli inferiori di isolamento termico. Consente la semplice regolazione dall’alto senza la necessità di spostare i pannelli radianti già installati. Altezza 16 e 60 cm.

-  Pannelli radianti con speciale rivestimento inferiore per un perfetto isolamento termico, completi di speciali tubazioni multistrato.

Supporti acustici insonorizzanti in gomma eco-compatibile, per un maggiore assorbimento acustico.

Mercato Lideta

Mercato Lideta – Tra comunità, architettura e ambiente

«Il mio lavoro si concentra sul connettere la vita della comunità, l’ambiente naturale e le tradizioni» parola di Xavier Vilalta, architetto catalano, incaricato di creare un centro commerciale multi-piano ad Addis Abeba. Non appena i committenti gli mostrarono l’idea del progetto del Mercato Lideta che avevano intenzione di costruire, Vilalta fu sul punto di fuggire via. Era il solito shopping mall visto tante volte in giro per il mondo. Il progetto, secondo la sua visione, non poteva essere l’ennesimo tempio del benessere occidentale dedicato allo spreco e il cui design non ha niente a che fare con l’Africa. L’idea di Vilalta voleva andare oltre, rispettando la tradizione e l’ambiente.

La comunità al centro

L’architetto originario di Mollerussa focalizza la sua attenzione sulla natura, attingendo allo stesso tempo alle antiche tradizioni del continente in modo da creare un edificio iconico, moderno, ma soprattutto adatto a una comunità. Ed è proprio da qui che l’architetto parte per il progetto del Mercato Lideta, dalle esigenze delle persone. Ispirandosi al mercato della capitale etiope, Vilalta crea uno spazio di condivisione, piuttosto che uno spazio di esclusivo consumo.

Mercato Lideta  Mercato Lideta   Tra comunità, architettura e ambiente

Interno del Mercato Lideta (rendering). In evidenza il sistema di areazione/luce

Tradizione e tecnologia al Mercato Lideta

Dato che la temperatura della città è decisamente mite (20-25°), Vilalta decide di rinunciare all’impianto di condizionamento e di lasciare che luce e aria entrino in maniera filtrata all’interno del Mercato Lideta attraverso piccoli elementi prefabbricati. Questa idea oltre ad abbattere i costi dell’elettricità (in una città dove i black out sono all’ordine del giorno) è anche un richiamo alla tradizione: Vilalta ha disegnato queste speciali strutture ispirandosi ai giochi geometrici presenti negli abiti e negli accessori delle donne etiopi.

Sostenibilità ambientale e condivisione di spazi

Sempre all’insegna dell’ecosostenibilità Vilalta decide di posizionare pannelli fotovoltaici sul tetto al fine di rendere l’edificio autosufficiente in termini energetici. In più, i portici del Mercato Lideta sul tetto raccolgono l’acqua piovana da riciclare per i sanitari. Al centro del progetto resta comunque la comunità. Vilalta ha progettato anche il tetto proprio come uno spazio pubblico con aree di ritrovo e bar, una sorta di oasi urbana a disposizione della comunità locale. Al momento la struttura è stata completata ed è iniziata la realizzazione della facciata.

Per maggiori info:http://www.xva.cat/