Tag Archives: a tu per tu con Nesite

A tu per tu con Nesite: l’intervista ad Antonio Frizzerin

Antonio Frizzerin, Sales Manager Nesite, si racconta rispondendo alle nostre domande.

In un’azienda giovane e dinamica lui si descrive come “il diversamente giovane“. Ma dalle sue parole sembra che incarni tutti i valori di un’impresa che guarda al futuro, con i piedi ben piantati per terra.

Ecco l’appuntamento di maggio con A tu per tu con Nesite. Buona lettura!

 A tu per tu con Nesite: lintervista ad Antonio Frizzerin

Antonio Frizzerin – Sales Manager Nesite

Nesite: Ciao Antonio, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo in 140 caratteri così ne esce proprio un “tweet”?

Antonio: Sposato due figli molto legato alla famiglia e al lavoro. Inquadrato moderato e tenace, quasi sempre ottengo quanto prefissato.

N: Da quanto tempo collabori con Nesite e come è nato il vostro rapporto lavorativo?

A: Da “sempre”. O meglio, opero nel settore pavimenti sopraelevati dal 1980, anno in cui ho iniziato la mia collaborazione con Hiross azienda madre di NESITE. Ho vissuto personalmente tutte le altalenanti fasi aziendali e di mercato cambiando praticamente all’interno della stessa azienda (prima Hiross poi Nesite) più volte funzione. Di estrazione tecnica opero ora in ambito commerciale estero.

N: Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

A: Un’azienda con una grande tradizione e know-how, “aperta” all’innovazione e in continua evoluzione. Ciò comporta a volte dei momentanei disorientamenti ma la barra torna sempre a dritta. Il management e i colleghi sono giovani (ahimè io sono il diversamente giovane) e danno freschezza alle idee e al pensiero aziendale. Un azienda con un cuore. Per qualcuno (io compreso) una seconda famiglia.

N: Quali sono a tuo avviso le chiavi di successo di Nesite, nel mercato di oggi?

A: Credo siano l’approccio professionale, competitivo, empatico, onesto e disponibile, necessario nel creare e rafforzare le buone relazioni alla base dei rapporti di successo con il cliente.

N: E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

A: Onestamente non sono esperto in materia. Sono un timido utente dei social network. All’inizio della mia attività lavorativa ho visto il “telex” quindi vissuto il “fax” e ancora “la posta elettronica”, ora i social network. Vista la loro grande diffusione specie trai i giovani, penso siano il futuro della comunicazione/dialogo anche tra azienda e cliente, sino al prossimo nuovo sistema (telepatia?).

N: Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

A: Tradizione, Innovazione, Cuore

N: Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

A: Li riassumo in punti:

1-      Raggiungere e superare gli obiettivi prefissati

2-      Continuare ad essere disponibile e collaborare con colleghi e funzioni aziendali

3-      Dedicarmi maggiormente alla famiglia

N: Cosa ti aspetti per il futuro? Quali sono gli obiettivi che vorresti collaborando con Nesite?

A: Che sia migliore per tutti (in particolare per i nostri figli), anche se credo che le nuove sfide richiederanno un impegno sempre più duro. Continuare con soddisfazione e positività (anche di risultato) la mia attività all’interno della compagine, coltivando i già buoni rapporti con colleghi e responsabili.

A tu per tu con Nesite: l’intervista ad Andrea Sartorati

La nostra rubrica questo mese ospita Andrea Sartorati – Responsabile Ufficio Amministrazione & Finanza Nesite.

Tra empatia e senso del dovere, una vera passione per i social network e un sogno nel cassetto, ormai chiuso, quello di diventare un giornalista, Andrea si racconta a cuore aperto. Un’intervista che, siamo sicuri, vi conquisterà.

 A tu per tu con Nesite: lintervista ad Andrea Sartorati

Andrea Sartorati – Responsabile Ufficio Amministrazione & Finanza Nesite

Nesite: Ciao Andrea, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo in 140 caratteri così ne esce proprio un “tweet”?

Andrea: permaloso, esterofilo, brontolone, intollerante, misantropo, prolisso e allergico alle lettere maiuscole. i difetti, invece… #thatsall

Tweet a parte, ho un caro amico che lavora in ambito artistico e si definisce (a mio avviso genialmente) un “cialtrone di talento”. Ecco, io sono l’esatto opposto: straordinariamente… ordinario! La natura non mi ha baciato con alcun talento particolare e cerco di rimediare con un forte senso del dovere, uno spirito di applicazione rigoroso (in alcuni frangenti quasi tedesco) e una moltitudine di interessi.

N: Da quanto tempo collabori con Nesite e come è nato il vostro rapporto lavorativo?

A: Sono entrato in Nesite subito dopo la laurea e il servizio civile, più o meno nel 2001. Mio padre allora era coinvolto nella compagine societaria, ma ho sostenuto il colloquio con un management totalmente esterno alla proprietà e sempre rivendicato un ruolo indipendente dal mio cognome. Anche perché, con tutta onestà, non posseggo affatto il sacro fuoco dell’imprenditorialità.

N: Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

 A: È una risposta che può apparire costruita, ma corrisponde al vero: mi piace il profondo senso di responsabilità che si respira in ciascun ufficio. La realtà di Nesite è una giusta via di mezzo fra un’organizzazione strutturata per procedure precise e un ambiente snello e dinamico, pronto ad adattarsi. Ciascun reparto deve impegnarsi con autonomia nel raggiungimento non solo dei propri obiettivi, ma anche nell’integrazione con gli altri ingranaggi che compongono il complesso meccanismo della vita aziendale. E devo dire che la cosa funziona! Questo contribuisce, in un circolo virtuoso, sia alla crescita individuale che a quella collettiva.

N: Quali sono le difficoltà principali tipiche del tuo ruolo (responsabile finanziario) del mercato di oggi e come l’azienda le affronta?

A: Credo sia noto che non si tratta di un momento storico particolarmente facile per chi deve occuparsi di equilibrio finanziario. I problemi sono sotto gli occhi di tutti: le difficoltà del sistema bancario a sostenere la crescita anche delle aziende in salute, l’incidenza del costo del lavoro e delle utenze, la marginalità ridotta, gli incassi dei clienti non sempre puntuali. Nell’ambito di questo quadro l’azienda si difende più che bene e anche in questo caso si tratta di un risultato raggiunto grazie alla collaborazione di tutti: dai commerciali che selezionano a monte clienti affidabili ai colleghi dei reparti tecnico e logistico, sempre pronti a trovare soluzioni collaborative con le controparti in caso di richieste particolari. Da parte mia cerco di interpretare il ruolo aggiungendo agli inevitabili (e a volte noiosissimi) tecnicismi un pizzico della mia anima umanistica. Le mie comunicazioni contengono spesso citazioni o piccole punte di ironia e questo a volte contribuisce a creare un’empatia e a rafforzare rapporti che diventano più di partnership che di mero rapporto di acquisto e di vendita.

N: E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

A: Sono sempre stato interessato al mondo tecnologico e ai suoi dintorni. In passato ho anche avuto i miei 15 minuti di warholiana celebrità con un blog in cui raccontavo dall’interno le vicende di una squadra di pallavolo di serie A.

Sono praticamente iscritto a tutti i social network, da quelli più noti ad altri riservati ad oscure nicchie di appassionati con atteggiamenti maniaco-compulsivi. Pur consapevole di alcuni rischi (specie a livello di gestione della privacy), credo che il mondo 2.0 abbia molti più pregi che difetti. Forse perché così mi illudo di essere (ancora) un giovane 2.0, visto che nella vita 1.0 non lo sono poi stato così tanto. Penso che in molti ambiti il web abbia fatto emergere talenti che difficilmente avrebbero avuto la possibilità di manifestarsi, specie all’interno di una società statica e così poco meritocratica come quella italiana. Nel mio piccolo è stata per me una grande soddisfazione vedere un paio di volte alcuni miei cinguettii retwittati da professionisti della carta stampata:  ho sempre avuto il pallino del giornalismo, ma è rimasto un sogno ben chiuso nel cassetto.

A livello professionale non amo molto le aziende che “infestano” i social network con messaggi pubblicitari di tipo tradizionale. Trovo invece intelligente la scelta di chi, come noi, crea un network aperto all’interazione e volto a riunire interessi e opportunità comuni. Poi ci sono alcune campagne virali assolutamente geniali e prima poi sono convinto che dal cilindro del marketing ne uscirà una legata al nostro brand.

N: Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

A: Giovane: anche se lo diciamo da anni… lo staff è davvero giovane, dentro e fuori;

Ambiziosa: poniamo sempre il traguardo un metro dopo il possibile… e quasi sempre riusciamo a tagliarlo lo stesso;

Onesta: ascoltiamo davvero chi ci sta di fronte, cercando di assecondarne sempre le richieste, una rarità in contesti in cui spesso prevalgono la furbizia intesa come virtù e la scorciatoia facile!

N: Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

A: Più o meno si equivalgono. Sono da sempre un fautore della qualità della vita come traguardo più importante delle gratificazioni economiche. Credo che la vera ricchezza odierna sia il tempo. Mi piacerebbe arrivare ad una situazione in cui l’ufficio amministrativo funzioni come una sorta di pilota automatico, per poter dire di aver fatto bene il mio lavoro e dedicarmi ancora di più alle passioni di cui sopra con tranquillità.

Piano piano ci arriveremo, anche se ovviamente sarebbe necessario un contestuale cambiamento di cultura dell’intera filiera, a partire dalle istituzioni e dai grandi clienti.

Banalmente sogno una società più giusta, in cui il merito venga riconosciuto in maniera naturale senza bisogno di bussare a mille porte. Vorrei infine un mondo più onesto e farne parte: di sicuro preferisco si dica di me che sono una brava persona piuttosto che simpatica.

E questo mondo ideale, dove gli amministrativi sono addirittura dei sognatori, dovrebbe ovviamente appoggiarsi sui nostri pavimenti!

A tu per tu con Nesite: l’intervista a Marco Panebianco

Questo mese si racconta per noi Marco Panebianco, agente Nesite per la Puglia e la Basilicata.

Un’intervista dove emerge l’amore per le sue origini, una grande dedizione per il suo lavoro e un desiderio: quello di fare un viaggio che rimanda da tempo.

Buona lettura a tutti! 

 A tu per tu con Nesite: lintervista a Marco Panebianco

Marco Panebianco -Agente Nesite Puglia e Basilicata

 

 

Nesite: Ciao Marco, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo in 140 caratteri così ne esce proprio un “tweet”?

Marco: Sono nato e cresciuto in Puglia, a Bari, terra che amo, soprattutto per il mare. Ho iniziato ad occuparmi di edilizia nel 1990 con pavimenti in legno. Col tempo, la voglia di avvicinarmi a nuovi prodotti, mi ha portato a collaborare con un’azienda che si occupava di pavimenti sopraelevati, per la quale ho lavorato fino al 2012. Nel corso di tutti questi anni ho maturato una buona esperienza nel settore raggiungendo non poche soddisfazioni, contribuendo a  realizzare pavimentazioni sopraelevate sia per interni che per esterni di assoluto prestigio.

 

N: Da quanto tempo collabori con Nesite e come è nato il vostro rapporto lavorativo?

M: Quando recentemente le circostanze mi hanno portato a valutare una nuova azienda  con cui continuare ad operare nel settore dei pavimenti galleggianti sul territorio, la scelta è stata immediata: ritengo, infatti, che Nesite  sia attualmente il miglior produttore di sopraelevati nel panorama italiano.

 

N: Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

M: Per prima cosa l’affiatamento che c’è tra colleghi, una peculiarità non facile da trovare nel mondo del lavoro. Secondo, ma non meno importante, la voglia di fare e di fare bene.

 

• N: Quali sono le chiavi del tuo successo, nel mercato di oggi?

M: Per la mia esperienza, ritengo che il servizio al cliente sia assolutamente  la carta vincente e nella parola”servizio” racchiudo professionalità, puntualità, competenza e precisione.

 

• N: E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

M: Assolutamente sì: sono forme di comunicazione che prenderanno sempre più piede.

 

• N: Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?    

M: Giovane, dinamica, puntuale.

 

 • N: Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

M: Per ciò che concerne la sfera lavorativa, nonostante il periodo di recessione che stiamo vivendo, spero di riuscire a mantenere gli standard sia qualitativi che quantitativi degli scorsi anni. Da un punto di vista personale spero di riuscire, quest’anno, a concedermi una vacanza perché da un po’ di anni per vari motivi  non mi è stato possibile.

• N: Cosa ti aspetti per il tuo futuro? Quali sono gli obiettivi che vorresti raggiungere collaborando con Nesite?

M: Sinceramente spero di ottenere grandi risultati e credo che ci siano tutti i presupposti per prefiggersi obiettivi ambiziosi.

A tu per tu con Nesite: intervista a Rosanna Liseno

La nostra rubrica questo mese ospita Rosanna Liseno, Responsabile Commerciale e Marketing Nesite.

Un’intervista che vi consigliamo di non perdere: si parla di futuro, nuove sfide per il 2013 e di un aspetto aziendale molto importante e sentito: quello di riuscire a coniugare l’essere donna, mamma e manager senza sensi di colpa!

Buona lettura icon wink A tu per tu con Nesite: intervista a Rosanna Liseno

foto rl intervista A tu per tu con Nesite: intervista a Rosanna Liseno

Rosanna Liseno – Responsabile Commerciale e Marketing Nesite

Nesite: Ciao Rosanna, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo in 140 caratteri così ne esce proprio un “tweet”?

Rosanna: Sono una persona tenace, iperattiva, dinamica. Amante delle tradizioni ma apertissima al cambiamento, da pochi mesi una mamma felice!

• N: Da quanto tempo collabori con Nesite e come è nato il vostro rapporto lavorativo?

R: Ho iniziato a lavorare in Nesite nel 2002: essendo laureata in Scienze della Comunicazione mi ero proposta per l’ufficio marketing, ma mi è stato offerto un posto nell’ufficio commerciale estero; avevo partecipato al progetto Erasmus solo l’anno precedente, l’idea di essere nuovamente a contatto con l’estero mi ha immediatamente entusiasmato. Così ho iniziato a sviluppare aree dove l’azienda non era ancora presente, viaggiando in molti paesi tra cui il Medio Oriente, l’Egitto e il nord Europa. Poi c’è stata una pausa di due anni, dovuta alla mia voglia di avere un’esperienza diversa in campo commerciale per migliorare professionalmente e per mettermi alla prova in un altro contesto, ma sono rientrata in Nesite nel 2010 con rinnovata motivazione.

• N: Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessantesapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

R: Mi piace il mix che c’è tra l’ambizione di una grande realtà e la flessibilità tipica della piccola-media impresa. Apprezzo l’apertura ai mercati esteri che l’azienda ha ormai da molti anni, che ci ha permesso di competere con multinazionali del nostro settore.

• N: Quali sono le chiavi del suo successo, nel mercato di oggi?

R: Proprio l’apertura ai mercati esteri, concretizzatasi con l’apertura di una filiale negli Emirati nel 2009, e l’orientamento al mercato che ha preso il posto dell’orientamento alla produzione, che caratterizzava la politica aziendale dei primi tempi.

• N: E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

R: Assolutamente sì! Credo sia uno strumento utilissimo che andrebbe sfruttato ancora di più non solo all’esterno ma anche all’interno dell’azienda. Ma ci vorrebbe più tempo per navigare…!

• N: Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

R: Flessibile, dinamica, ambiziosa.

• N: Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

R: Spero di riuscire a conciliare al meglio il mio ruolo di mamma con quello professionale senza troppi sensi di colpa, di raggiungere gli obiettivi che la Direzione mi ha assegnato e, infine, di riuscire a trovare anche un po’ di tempo per me stessa.

• N: Cosa ti aspetti per il futuro? Quali sono gli obiettivi che vorresti collaborando con Nesite?

R: Vorrei che il marketing diventasse sempre di più il vero cuore dell’azienda, con risultati concreti ed il coinvolgimento di tutte le altre funzioni aziendali. Ma soprattutto spero di trovare sempre nuovi stimoli per poter svolgere il mio lavoro ogni giorno con entusiasmo.

A tu per tu con Nesite: intervista a Cristiano Marras

La nostra rubrica A tu per tu con Nesite continua anche nel 2013.

Iniziamo il nuovo anno con l’intervista a Cristiano Marras, agente Nesite per il Lazio, che per il 2013 ha ottimi propositi e non solo lavorativi! icon wink A tu per tu con Nesite: intervista a Cristiano Marras

Buon inizio anno a tutti voi!

cristiano marrs A tu per tu con Nesite: intervista a Cristiano Marras

Cristiano Marras – Agente Nesite Lazio

Nesite: Ciao Cristiano, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo in 140 caratteri così ne esce proprio un “tweet”?

Cristiano: Ho 38 anni, convivo da 11 anni con la mia compagna Barbara ed ho una splendida figlia di 7 anni, Sofia. Svolgo questo lavoro ormai da 12 anni e nasco come figura professionale nel settore dell’arredamento, pareti e sedute per ufficio.

 N: Da quanto tempo collabori con Nesite e come è nato il vostro rapporto lavorativo?

C: Il mio rapporto con NESITE nasce contrattualmente a Gennaio del 2012, grazie all’interesse verso la mia figura professionale da parte di Fabio Di Marco. Ero già inserito nel mondo dei pavimenti sopraelevati da 3 anni con un’azienda competitor di NESITE. In quel momento, sono stato contattato da molte aziende del settore, ma la società e la persona che mi hanno dato maggiore sicurezza e fiducia sono stati NESITE e Fabio Di Marco.

N: Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

C: L’azienda ha dei valori molto importanti che negli ultimi anni ho riscontrato poco sul mercato ed in altre parti. L’onestà delle persone che la compongono, la grande disponibilità sia a livello lavorativo che a livello umano, la serietà ed il mantenimento di ogni singolo accordo o promessa fatta. E ultimo, ma non meno importante, gli investimenti che l’azienda sta facendo a livello di marketing per promuovere in maniera decisa il brand, il livello e  l’innovazione dei prodotti.

 N: Quali sono le chiavi del tuo successo, nel mercato di oggi?

C: La caparbietà, la voglia e la decisione in quello che faccio. E’ vero che la crisi c’è e sul mercato si sente, ma questo non deve togliere la forza di aggredire il mercato stesso, di farsi comunque conoscere, di promuoversi e promuovere l’azienda che rappresento. Oggi bisogna saper parlare di qualcosa che apra nuovi orizzonti al cliente, senza tralasciare per questo aspetti importanti che gli stessi richiedono, come il prezzo. Ma sono molto fortunato a rappresentare un brand che mi da la possibilità di essere competitivo ed affidabile su ogni fronte.

N: E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

C: Non sono un grande frequentatore dei social network. Eppure capisco che nel mondo di oggi, sono metodi di comunicazione efficace per conoscersi, per farsi conoscere, ed arrivare in maniera più diretta al consumatore.

• N: Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

C: Affidabile,competitiva,innovativa.

N: Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

C: Confermare ed incrementare quanto realizzato nel 2012 nonostante le grandi difficoltà del mercato. Dare risposte concrete e soddisfacenti a tutte le persone che hanno creduto e che credono in me. Sposare la mia compagna.

N: Cosa ti aspetti per il futuro? Quali sono gli obiettivi che vorresti collaborando con Nesite?

C: Crescere sempre di più a livello professionale ed economico, raccogliere quanto investito raggiungendo gli obiettivi prefissati, riuscire a rendere l’azienda sempre più competitiva affermando il brand sul mercato di riferimento.

“A tu per tu con Nesite” Antonio Grasso

Ing. Antonio Grasso, Responsabile Tecnico Nesite 

antonio grasso1 A tu per tu con Nesite Antonio Grasso

Antonio Grasso

Ciao Antonio, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo 140 caratteri, così ne esce proprio un “tweet”?

Sono responsabile delle scelte di natura tecnica, progettuale e gestionale con particolare riferimento alla qualità del prodotto e alle sue  prestazioni. Mi occupo della  ricerca di  nuove soluzioni produttive e nuovi prodotti. Eseguo la preventivazione di  progetti speciali, organizzo prove e verifiche sui prodotti finiti al fine della omologazione di prodotto nonché le prove di certificazione presso i laboratori esterni.

Da quanto tempo lavori per Nesite e come è nato il vostro rapporto di collaborazione?

Lavoro in Nesite dal 2006 in seguito alla  fuoriuscita da una azienda ad alto contenuto tecnologico nella provincia di  Padova  dove ho lavorato per circa 13 anni come ingegnere nel reparto Ricerca&Sviluppo. Il rapporto di collaborazione  è nato casualmente rispondendo ad un annuncio  per la figura di responsabile dei servizi tecnici. Il settore di appartenenza da cui provenivo era completamente diverso da quello che stavo per affrontare ma la preparazione tecnica di base e le esperienze professionali passate hanno  contribuito a formare un solido legame con la società.

Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

La missione di Nesite è quella di essere un punto di riferimento nel proprio settore in merito a qualità, affidabilità del prodotto e dei servizi ad esso collegati, al fine di ottenere la completa soddisfazione del cliente.

Il nostro lavoro  si concretizza nei seguenti principi: 

  • Lavoriamo con entusiasmo per soddisfare le giuste richieste dei clienti.
  • Lavoriamo per dare reddito alla nostra attività al fine di sviluppare e consolidare la nostra Azienda.
  • Lavoriamo in sicurezza in un ambiente che promuove la salute ed il benessere dell’individuo.
  • Siamo rispettosi dell’ambiente esterno e dei nostri fornitori.

La caratteristica che  mi piace maggiormente è questa:

  •  Viene promossa  la realizzazione di ciascun individuo  dove nessuno è  escluso da percorsi di crescita professionale.

Quali sono le chiavi del successo tuo e del tuo team nel mercato di oggi?

Nesite si pone come obbiettivo strategico la soddisfazione del cliente sia esterno che interno, da conseguire attraverso il miglioramento continuo di tutti i processi aziendali, sviluppando ed applicando  un sistema di organizzazione aziendale in accordo alla UNI EN ISO9001.

 • Ci spieghi in breve, visto il tuo ruolo, a cosa serve il pavimento sopraelevato?

 Il Sistema Pavimento Sopraelevato “Nesite” risponde appieno alle esigenze di flessibilità degli odierni ambienti di lavoro grazie alla totale libertà di definizione del progetto, alla semplicità di installazione e manutenzione, all’integrità strutturale e all’ampia gamma di finiture. Gli elementi portanti del Sistema, brevettati e costruiti in acciaio zincato con guarnizioni superiori in materiale plastico conduttivo, consentono di elevare il pavimento di un’altezza compresa tra i 4 e i 170 cm. I pannelli di norma misurano cm 60×60 e sono disponibili in vari spessori e materiali (truciolare, materiale inerte o compositi). La superficie superiore dei pannelli è compatibile con un’ampia scelta di coperture, appoggiate o permanenti, altamente resistenti all’usura e praticamente  esenti da manutenzioni.

• Perchè consiglieresti un pavimento sopraelevato rispetto ad uno tradizionale?

Il Sistema permette  qualsiasi modificazione successiva senza disagio alcuno in quanto il pavimento originale non viene scalfito e la rete di cavi e tubazioni corre nell’intercapedine tra la struttura portante del pavimento sopraelevato e i pannelli di superficie.

E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

I social network non sono solo una rete di contatti per la ricerca di amicizie, la condivisione di interessi ludici attraverso il Web, il recupero di antiche conoscenze o frequentazioni scolastiche e universitarie; non sono solo ricerca di partner affettivi o di compagni di viaggio per vacanze o avventure. Esiste, infatti, una grande “rete” di social network che si occupano di mettere in comunicazione imprese e professionisti, aziende e persone in cerca di prima occupazione, oppure di far dialogare società con diverse caratteristiche al fine di condividere o costruire un business comune (LinkedIn, Plaxo, ecc.)

E’ il caso, ad esempio di Xing, il business social network tra i leader in Europa (ovviamente nato e gestito in Germania), con oltre 7 milioni di utenti che lo utilizzano, in 16 lingue, per lavoro, affari e carriera.

Con la community di Xing si ha la possibilità di ricercare nuovi contatti o business partner per instaurare una collaborazione professionale, ampliare la propria presenza nei mercati locali ed internazionali, e si possono  anche rafforzare i rapporti di  business e riscoprire contatti stabiliti in precedenza e successivamente perduti.

Pertanto bisogna essere aperti al massimo a queste nuove opportunità che la rete mette a disposizione, cercando come sempre di sfruttarle nella maniera corretta senza cadere in sterili conversazioni e dibattiti.

 Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

  • Innovativa
  • Competitiva
  • Internazionale

• Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2012? 

  • Completare lo sviluppo di un nuovo prodotto con particolare attenzione agli aspetti ambientali
  • Sviluppare il mercato internazionale dell’ High-class (prodotti ad alto valore aggiunto)
  • Ottimizzare l’organizzazione aziendale aumentando la circolazione delle informazioni che dal cliente devono arrivare corrette fino alla produzione.

 • Cosa ti aspetti per questo futuro in azienda?

Mi aspetto uno sviluppo del mercato internazionale anche in quei paesi da sempre poco generosi nei confronti dei prodotti italiani (Germania, Inghilterra, Francia) perché i nostri prodotti  in termini di qualità e prestazioni sono allo stesso livello dei loro e questo lo verifichiamo giornalmente confrontandoci con i clienti di tutto il mondo.

Non molto tempo fa abbiamo avuto dei riscontri positivi in termini di resistenza del nostro pavimento ai terremoti (Nuova Zelanda)  questo a dimostrare l’affidabilità del nostro prodotto che ci ha visto  pionieri nella sua progettazione.

 

 

A tu per tu con Nesite: Andrea Chiodetto

Andrea Chiodetto: Responsabile Spedizioni Estero Nesite

logistica1  A tu per tu con Nesite: Andrea Chiodetto

 - Reparto Spedizioni Nesite

• Ciao Andrea, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo 140 lettere così ne esce proprio un “tweet”?

Mi reputo un ragazzo curioso e intraprendente, ho voglia di crescere professionalmente, e in Nesite spero di trovar la mia dimensione.

• Da quanto tempo lavori per Nesite e come è nato il vostro rapporto di collaborazione?

 Vengo da un’azienda del gruppo che si occupa di imballaggi industriali e logistica. Lavoro per Nesite da 3 anni, sono entrato in sostituzione di una brava collega nella gestione delle spedizioni estero. Da pochi mesi mi è stato assegnato un nuovo incarico nella gestione degli acquisti in affiancamento con altri colleghi.

• Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

Le persone che ci lavorano e l’azienda in sé è ricca di storia ed esperienza, qui per una persona che vuole imparare c’è solo che da sbizzarrirsi. Nel mio settore, le spedizioni all’estero, ogni giorno si imparano leggi e regolamenti nuovi di un paese e riuscire a portar a destinazione senza problemi ogni ordine è una grande soddisfazione.

• Quali sono le chiavi del successo tuo e del tuo team nel mercato di oggi?

Al giorno d’oggi secondo me bisogna esser dinamici e riuscire a dare al cliente quanto prima il prodotto che cerca. Promuovere il Made in Italy che è un enorme risorsa e biglietto da visita per le aziende italiane.

• E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

Io non sono un grande estimatore dei social, preferisco incontrare amici e persone in qualche locale o ad eventi, però per una azienda che vuole essere al passo con i tempi penso possa essere un modo diretto e innovativo per raggiungere nuovi clienti e promuovere il prodotto.

• Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

Storica” perché il pavimento sopraelevato in Italia, da sempre, è associato al nome NESITE.

Dinamica” perché sa adattarsi alle esigenze del mercato e sa proporsi nel miglior modo al pubblico.

Solida” perché alle spalle c’è un importante gruppo che vuole rilanciare il nome e il prodotto.

• I buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

 A livello lavorativo di riuscire ad esser indipendente nel nuovo incarico che mi è stato assegnato.

A livello personale di riuscire a fare un viaggio che sogno da tempo, in America.

• Cosa ti aspetti per questo futuro in azienda?

 Che il lavoro aumenti sempre più e che possiamo prender un progetto in ogni Paese per poter dire che siamo ovunque.

logistica2  A tu per tu con Nesite: Andrea Chiodetto

-  Reparto Spedizioni Nesite - 2

Ringraziamo Andrea per averci raccontato il suo ruolo all’interno di Nesite e le sue aspettative, sia lavorative che personali.

Con A tu per tu con Nesite ci rivediamo il mese prossimo, con un nuovo protagonista!

Il primo incontro di “A tu per tu con Nesite”

Come anticipatovi il mese scorso, eccoci a Settembre con la prima di tante novità che riguardano la comunicazione di Nesite ed il blog in particolare. Parte infatti da qui l’appuntamento A tu per tu con Nesitein cui il nostro blog si trasforma in un salotto virtuale per dare voce ai tanti collaboratori che ruotano attorno al nostro brand.

Un modo per raccontarvi chi siamo e come lavoriamo, la storia di 40 anni di esperienza nel mercato dei pavimenti sopraelevati, che passa attraverso il racconto di tutte le persone che ogni giorno ci aiutano a migliorare e fare in modo che il nostro sia un prodotto di alta qualità e vincente sul mercato.

Siamo felici dedicare il nostro primo incontro ad Elena Luise, con noi dal 2010 e che attualmente ricopre il ruolo di Export Office Manager e Area Manager di Penisola Iberica e Sud America per Nesite.

foto elena blog 2 a Il primo incontro di A tu per tu con Nesite

Elena Luise – Export Area Manager di Nesite

Nesite: Ciao Elena, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo 140 lettere così ne esce proprio un “tweet”?

Elena: Eclettica, amante dei viaggi e delle nuove esperienze, sportiva; nell’ambito lavorativo mi definirei disponibile e curiosa. I difetti sono tanti…ma purtroppo ho già sforato i 140 caratteri!

N: Da quanto tempo lavori per Nesite e come è nato il vostro rapporto di collaborazione?

Elena: Ho iniziato con uno stage part-time nel giugno del 2010, mentre ultimavo la mia tesi. Ed il giorno prima della laurea è arrivata la bella notizia: “sei assunta!”

N: Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

Elena: La trasparenza, il dinamismo, la flessibilità, e la capacità di far sentire chiunque a proprio agio.

N: Quali sono le chiavi del successo tuo e del tuo team nel mercato di oggi?

Elena: La grande esperienza nel settore, la qualità del nostro sistema di pavimento soprelevato, il servizio al cliente.

N: Cosa ne pensi dei social network? Li ritieni reali strumenti di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

Elena: Assolutamente sì. Oltre ad aiutare l’azienda a promuoversi in una fascia di mercato potenzialmente più all’avanguardia, i social network offrono all’azienda la possibilità di conoscere un po’ meglio gli altri. Le opinioni, i desideri, le inclinazioni delle persone traspaiono dai loro post e tweet. E questo vale tanto per i clienti affezionati quanto per quelli futuri.

N: Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

Elena: Professionale, competente, flessibile.

N: Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2012?

Elena: Porterò avanti i propositi perseguiti finora: l’ascolto del cliente e la soddisfazione delle sue richieste ed esigenze per il successo di entrambi, nonché l’obiettivo di far conoscere a sempre più persone la qualità, professionalità e la competenza del team di Nesite.

N: Cosa ti aspetti per questo futuro in azienda?

Elena: Mi aspetto di crescere ulteriormente sia dal punto di vista professionale che personale. In Nesite si può!

N: Quanto è importante il mercato estero per Nesite e come pesa, se pesa, la qualità del Made in Italy?

Elena: È fondamentale! Nesite ha sempre puntato e punta tuttora all’export, intenzione dimostrata anche dalla presenza di una nostra consociata negli Emirati Arabi che ci permette di meglio seguire il ricco mercato del Medio Oriente. La mentalità aperta dell’azienda e del team che si dedica all’estero ci permette di avere un orientamento positivo alle sfide e alle diversità che si incontrano approcciando paesi e culture diverse. Inoltre, come avete sottolineato, abbiamo dalla nostra parte la qualità Made in Italy; questa sorta di aggettivo è ancora sinonimo di design, cura dei dettagli e selezione delle materie prime. Il Made in Italy rimane spesso l’elemento determinante nella scelta del cliente, che considera tale caratteristica come una garanzia.

N: C’è un progetto al quale sei particolarmente legata, che ti ha fatto crescere sul piano professionale?

Elena: Al momento non saprei indicarne uno in particolare, ma posso dire che il primo ordine che si riceve da un nuovo agente o distributore con il quale si è da poco iniziata una collaborazione è sempre soddisfacente e infonde la giusta carica per spronarti a continuare a dare il massimo ed ottenere risultati!

Ringraziamo Elena per averci dedicato un pò del suo tempo e per aver contribuito all’iniziativa: vi diamo appuntamento alla prossima intervista di “A tu per tu con Nesite” icon wink Il primo incontro di A tu per tu con Nesite