Tag Archives: nesite pavimenti sopraelevati

pavimenti sopraelevati

I pavimenti sopraelevati Nesite per il recupero dell’Ex Fattoria degli Innocenti – Figline Valdarno

I pavimenti sopraelevati Nesite hanno consentito il recupero dell’Ex Fattoria degli Innocenti a Figline Valdarno. Nella nostra rubrica Progetto del Mese vi raccontiamo dello Studio di Architettura T.O.P che ha seguito i lavori, e del recupero nella sua totalità.

  • STUDIO DI ARCHITETTURA TOP:

Lo studio di Architettura T.O.P. (Tecnici Operatori Progettisti) è formato da un gruppo di professionisti associati che opera nel settore del restauro, ristrutturazioni e nuove costruzioni nel Valdarno Superiore da più di venti anni.

La guida e l’indirizzo tecnico dello studio è attribuita all’architetto Danilo Bruschetini  il quale,  ormai conoscitore del proprio mestiere di architetto da tanti anni,  segue prevalentemente gli interventi più importanti.  Fra le opere eseguite possiamo citare il recupero di alcuni borghi storici come quello di Capraia in Comune di Castel Franco di Sopra, oppure quello di Fontebussi e della Poggiarina in Comune di Cavriglia.

Recentemente è stato completato il recupero con restauro dei locali della ex Fattoria dell’Istituto degli Innocenti in Figline Valdarno destinata alla nuova sede dei Vigili Urbani del Comune Unico di  Figline-Incisa.          

Fra le nuove costruzioni si evidenziano esperienze fatte per interventi pubblici come la Biblioteca del Comune di Gaiole in Chianti, l’ampliamento del cimitero del Comune di Incisa Valdarno oppure rinnovata recentemente, la nuova palazzina uffici dell’A.E.R (Ambiente Energie e Risorse) in Comune di Incisa Valdarno . Fra le nuove costruzioni eseguite a privati risaltano opere di interventi per la costruzione di edifici per civile abitazione a schiera o villette singole nei vari Comune del Valdarno.

  • PROGETTO EX FATTORIA DEGLI INNOCENTI

Il progetto realizzato nei locali della ex Fattoria degli Innocenti di proprietà pubblica può essere considerato un intervento con finiture moderne inserito in un contesto storico. “Si tratta di un locale di circa mq. 330 posto al piano terreno di un vecchio edificio con la sua precedente destinazione a cantina della fattoria – racconta l’architetto Bruschetini –“. “Prima dell’inizio del recupero, il locale, internamente, si presentava ancora totalmente intatto –continua – fatta eccezione per delle piccole strutture incoerenti che erano state installate internamente. Tutta la superficie del locale, larga circa mt. 7,50 e lunga circa mt. 44,30 si presentava con una splendida pavimentazione in lastre di pietra lavorate a mano inalterate dal tempo, formate da pendenze e canalette che servivano per raccogliere le acque durante il lavaggio delle botti.”

DSC 0030 I pavimenti sopraelevati Nesite per il recupero dellEx Fattoria degli Innocenti   Figline Valdarno

Pannello in vetro Nesite – dettaglio

“Il soffitto – spiega l’architetto Danilo Bruschetini – è invece era formato da un insieme di “voltine” in cotto appoggiate su longarine in ferro. Le finestre erano protette da grigliati in ferro.”

L’opera realizzata soddisfa a pieno le esigenze del Comune e dello studio TOP sottolinea l’architetto: “funzionalità e sobrietà dei locali progettati per l’utilizzo a cui sono stati destinati, e nello stesso tempo recupero degli stessi locali senza stravolgere lo stato originario interno ed esterno dell’intero ambiente”.

Gli interventi fatti posso essere distinti in due fasi: la fase iniziale è servita per riportare il locale alla sua origine, prima attraverso opere di recupero delle voltine in cotto del soffitto, la ripulitura delle pietre, il recupero delle inferriate sulle finestre e degli stipiti di porte e finestre,  nonché con l’asportazione dei materiali impropri e delle macchine presenti internamente al locale; la fase successiva è invece servita per creare l’ambiente interno senza intervenire sulle murature portanti del locale, sui pavimenti storici in pietra, e sulla copertura a “voltine”

 

  • IL PAVIMENTO SOPRAELEVATO NESITE ALL’INTERNO DEL PROGETTO

Attraverso l’uso del pavimento sopraelevato del brand Nesite è stato possibile lasciare intatto il pavimento sottostante e far passare, nell’intercapedine che si è venuta a creare fra le due superfici,  parte delle canalizzazioni degli impianti meccanici ed elettrici senza demolire o tagliere le pietre originarie. In più nella zona accettazione è stato installato un pavimento sopraelevato trasparente in vetro per rendere visibile a tutti la caratteristica e le forme del pavimento originario in pietra delle vecchie cantine. Il pavimento sopraelevato ha permesso inoltre di creare con il colore scelto fra una varietà di proposte che Nesite mette a disposizione,  quelle tonalità che andavano bene alla scalatura del colore delle pareti mobili.

DSC 0070 I pavimenti sopraelevati Nesite per il recupero dellEx Fattoria degli Innocenti   Figline Valdarno

Ex Fattoria degli Innocenti- pavimento sopraelevato Nesite

Lo Studio di Archiettura T.O.P ha poi completato l’opera con le pareti mobili e con dei controsoffitti in cartongesso – realizzati solo in piccola parte nelle zone dei servizi igienici e spogliatori per preservare e lasciare sul resto dei locali i soffitti a vista – usando le prime per il passaggio dei vari cavi dell’impianto elettrico ed i secondi per le tubazioni degli impianti meccanici e di trattamento dell’aria. 

DSC 0079 I pavimenti sopraelevati Nesite per il recupero dellEx Fattoria degli Innocenti   Figline Valdarno

Ex fattoria degli Innocenti – pavimenti sopraelevati Nesite – dettagli

DSC 0027 I pavimenti sopraelevati Nesite per il recupero dellEx Fattoria degli Innocenti   Figline Valdarno

Pavimenti sopraelevato in vetro- Nesite

 

Sfruttando così in maniera semplice ma ragionata queste opportunità date dal pavimento sopraelevato Nesite e delle pareti mobili, è stato possibile realizzare quest’intervento sfruttando tutti gli spazi per soddisfare le esigenze della nuova sede dei Vigili Urbani ma preservando intatta tutta la struttura affinché in qualsiasi momento, togliendo queste  “ambientazioni”,  possa ritornare nel suo stato originale.

 

Contatti dello studio di Architettura T.O.P:

sede: Figline Valdarno, via della Vetreria n. 73

tel. 055-959629

e-mail info@studiotop.me

pavimento sopraelevato

Il pavimento sopraelevato: la manutenzione

Il pavimento sopraelevato è un sistema tecnico composto da elementi removibili che richiede poche e semplici regole per la manutenzione.

Eurobuilder 2 manutenzione Fotor Il pavimento sopraelevato: la manutenzione

Il pavimento sopraelevato e la manutenzione

Ecco quindi alcuni consigli da tenere sempre a mente per preservare la stabilità del sistema:

  • Usare sempre carrelli a sollevamento per muovere e spostare carichi particolarmente pesanti, inserendo tra i pannelli e le ruote, dei sistemi rigidi (ad esempio assi in legno) per una corretta ripartizione dei carichi.
  • Se state operando su un pavimento sopraelevato con strutture a traversi (dove la tenuta ermetica del sottopavimento è garantita dalle guarnizioni), occorre prestare particolare attenzione a non danneggiare o rimuovere le guarnizioni delle colonnine e dei traversi: in questo caso specifico, se ciò avviene, è necessario valutare se sia il caso di provvedere alla loro sostituzione.
  • Nel caso in cui siano necessarie la rimozione e la messa in posa del pavimento sopraelevato ciò deve avvenire obbligatoriamente usando gli appositi attrezzi per il sollevamento, evitando nel modo più assoluto l’utilizzo di mezzi meccanici per fare da leva tra i pannelli.
  • Per riposizionare i pannelli che compongono il pavimento sopraelevato, è consigliato eseguire la procedura con la massima cura, esercitando una leggere pressione, ma allo stesso tempo verificando che i pannelli vicini siano posti nel modo corretto. 
  • Occorre essere particolarmente scrupolosi nel caso si stia eseguendo la manutenzione di un pavimento sopraelevato che comprende accessori, per non danneggiare le connessioni.
  • Se la manutenzione prevede il taglio o la foratura di pannelli con accessori, occorre rispettare una distanza dal bordo del pannello, per garantire la robustezza del carico concentrato: è opportuno non eseguire tagli a meno di 10 centimetri dai bordi e utilizzare l’attrezzatura più idonea a seconda del tipo di pannello.

Ricordiamo, infine, che il pavimento sopraelevato deve essere installato in ambienti asciutti e protetti, con temperatura compresa tra 5°C e 35°C e umidità relativa compresa tra 40% e 75%.

Potete scaricare la nostra scheda “Pavimento sopraelevato: manutenzione e pulizia” al seguente link:

http://www.nesite.com/download/FILE%20ITA/schede_di_manutenzione/manutenzione%20e%20pulizia.pdf

CDN -Stand SaloneUfficio

Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

Nesite ha partecipato con la rete di impresa Contract Design Network al  SaloneUfficio 2013, iniziata il 9 aprile e che si è conclusa domenica 14 a Milano.

cdn salone Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

Contract Design Network – SaloneUfficio 2013

 Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

CDN -Stand SaloneUfficio

380 m2 del Padiglione 24 hanno ospitato le soluzioni ufficio proposte dal CDN:  quasi tutto  lo Stand B23-C14 è stato pavimentato da Nesite, con pannelli realizzati in gres porcellanato e in vetro.

 Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

Pavimento Sopraelevato Nesite – SaloneUfficio

 Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

Pavimento Sopraelevato Nesite – Gres effetto legno

Visitando lo stand è stato possibile vedere l’utilizzo di pannelli con dimensioni 60×120 cm e 50×100 cm; il nostro brand, infatti, non produce solo pavimenti sopraelevati con misure standard 60×60 cm, ma anche pannelli con formato speciale che consentono di soddisfare le più esigenti richieste degli architetti per la progettazione di ambienti di lavoro dinamici, flessibili e attenti al design dell’ufficio e al comfort dell’utente.

 Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

Pavimento Sopraelevato Nesite – vetro effetto cemento

Questa edizione del Salone Ufficio ruota intorno all’evento “Progetto: ufficio da abitare” firmato dall’architetto Jean Nouvel. L’idea è quella di vivere l’ambiente di lavoro così come si vive la propria casa, un luogo i dettagli diventano veri e propri piaceri anche nell’ambiente in cui si lavora.

 Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

Pavimento Sopraelevato Nesite – SaloneUfficio

 Nesite e Contract Design Network a SaloneUfficio 2013

Pavimento sopraelevato Nesite – Dettaglio

Inspirandosi a questo concetto le aziende del Contract Design Network hanno proposto all’interno dello spazio fieristico sei diversi ambienti lavorativi: Collaborative Office, Personal Office, Auditorium, Agency, Museum e Lounge, declinando attraverso le soluzioni esposte, l’approccio dell’architetto francese Nouvel.

Nesite è da sempre attenta alla ricerca di nuove soluzioni pensate per il comfort, il design e la flessibilità del’ambiente di lavoro. Per questo motivo la partecipazione con il CDN al SaloneUfficio è stata davvero significativa, perché ci ha permesso di interpretare la filosofia di Jean Nouvel basata su valori che rispecchiano il core aziendale del nostro brand, rispettando l’uomo e l’ambiente allo stesso tempo.

Per chi non avesso potuto visitare lo stand del Contract Design Network ecco il virtual tour: tramite questo link (http://www.idfshowroom.com/contract-design-network/salone-del-mobile/2013/) avrete modo di percorrere in modo originale gli spazi ufficio, senza muovervi da casa!

A tu per tu con Nesite: l’intervista a Marco Panebianco

Questo mese si racconta per noi Marco Panebianco, agente Nesite per la Puglia e la Basilicata.

Un’intervista dove emerge l’amore per le sue origini, una grande dedizione per il suo lavoro e un desiderio: quello di fare un viaggio che rimanda da tempo.

Buona lettura a tutti! 

 A tu per tu con Nesite: lintervista a Marco Panebianco

Marco Panebianco -Agente Nesite Puglia e Basilicata

 

 

Nesite: Ciao Marco, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo in 140 caratteri così ne esce proprio un “tweet”?

Marco: Sono nato e cresciuto in Puglia, a Bari, terra che amo, soprattutto per il mare. Ho iniziato ad occuparmi di edilizia nel 1990 con pavimenti in legno. Col tempo, la voglia di avvicinarmi a nuovi prodotti, mi ha portato a collaborare con un’azienda che si occupava di pavimenti sopraelevati, per la quale ho lavorato fino al 2012. Nel corso di tutti questi anni ho maturato una buona esperienza nel settore raggiungendo non poche soddisfazioni, contribuendo a  realizzare pavimentazioni sopraelevate sia per interni che per esterni di assoluto prestigio.

 

N: Da quanto tempo collabori con Nesite e come è nato il vostro rapporto lavorativo?

M: Quando recentemente le circostanze mi hanno portato a valutare una nuova azienda  con cui continuare ad operare nel settore dei pavimenti galleggianti sul territorio, la scelta è stata immediata: ritengo, infatti, che Nesite  sia attualmente il miglior produttore di sopraelevati nel panorama italiano.

 

N: Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

M: Per prima cosa l’affiatamento che c’è tra colleghi, una peculiarità non facile da trovare nel mondo del lavoro. Secondo, ma non meno importante, la voglia di fare e di fare bene.

 

• N: Quali sono le chiavi del tuo successo, nel mercato di oggi?

M: Per la mia esperienza, ritengo che il servizio al cliente sia assolutamente  la carta vincente e nella parola”servizio” racchiudo professionalità, puntualità, competenza e precisione.

 

• N: E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

M: Assolutamente sì: sono forme di comunicazione che prenderanno sempre più piede.

 

• N: Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?    

M: Giovane, dinamica, puntuale.

 

 • N: Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

M: Per ciò che concerne la sfera lavorativa, nonostante il periodo di recessione che stiamo vivendo, spero di riuscire a mantenere gli standard sia qualitativi che quantitativi degli scorsi anni. Da un punto di vista personale spero di riuscire, quest’anno, a concedermi una vacanza perché da un po’ di anni per vari motivi  non mi è stato possibile.

• N: Cosa ti aspetti per il tuo futuro? Quali sono gli obiettivi che vorresti raggiungere collaborando con Nesite?

M: Sinceramente spero di ottenere grandi risultati e credo che ci siano tutti i presupposti per prefiggersi obiettivi ambiziosi.

netcenter3

Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Nella nostra rubrica “Il Progetto del Mese” diamo spazio al complesso architettonico “Net Center” di Padova sede del nostro showroom e dei nostri uffici commerciali, realizzato dallo studio LVL Architettura che in questa occasione ci racconta le peculiarità del progetto.

  • NET CENTER: come è nato, obiettivi e realizzazione

In questo lavoro si è pensato a un progetto per la città, intendendo per città l’insieme del centro storico e della periferia. Questo, infatti, è un progetto per qualificare la periferia, se non addirittura costruire ex novo una periferia migliore.

Padova è una città straordinaria, formatasi in secoli di sedimentazione. La sua periferia, al pari di molti hinterland europei, è un tessuto aperto, caotico, cresciuto senza un progetto di spazi pubblici. Il Net Center vuole dimostrare che la periferia non è necessariamente una parte dismessa della città ma, come è già stato dimostrato in tante città del mondo, luogo d’incontro e di scambio, altrettanto valido della città tradizionale.

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Net Center

Per essere diverso, per essere l’inizio di una crescita più civile, meno caotica, deve nascere da un vero progetto urbanistico. Un vero progetto urbanistico è tale solo quando è un progetto a misura d’uomo, con luoghi pubblici come piazze, percorsi, strade.

Questa zona, a Padova, è un luogo fortemente caratterizzato da due strade: via San Marco, che dall’autostrada porta al centro città e una strada a questa parallela, dalla quale sono previsti tutti gli accessi al nuovo complesso polifunzionale.

Il volume più importante, il più visibile è una torre di circa 80 metri di altezza, che si affaccia su via San Marco ma che sarà visibile, con il suo slancio verticale, anche dall’altro lato della piazza.

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Net Center – La torre

Abbiamo caratterizzato la forma della torre affinché fosse particolare, curiosa e quindi facilmente riconoscibile. E’ il simbolo dell’intero complesso. Non bisogna neppure dimenticare che la torre permette di liberare spazio al suolo e creare appunto uno spazio pubblico più grande.

Il Palazzo Tendenza, è all’esterno relativamente semplice, per riservare tutta “l’eccezionalità” architettonica alla torre. All’interno invece l’edificio è molto generoso e luminoso.

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Net Center – Dettaglio interno

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Net Center – Ingresso

In particolare lo spazio principale che è una grande, lunga “strada interna”: una galleria illuminata dall’alto di 7,50 m di larghezza, di circa 18 m di altezza e 140 m di lunghezza, che diventa un luogo da percorrere o di sosta e che dà accesso ai ballatoi.

  • L’UTILIZZO DEL PAVIMENTO SOPRAELEVATO NESITE AL NET CENTER: perché è stato scelto il pavimento sopraelevato e quale valore aggiunto ha apportato Nesite

Una delle più grandi innovazioni in architettura che il novecento fortunatamente ci lascia in eredità è indubbiamente la pianta libera (uno dei cinque punti corbuseriani) che svincolando la partizione dalla struttura offre la possibilità di configurare gli spazi secondo le necessità e – ancor più – di seguirne le trasformazioni nel tempo. Questa fondamentale flessibilità si può concretizzare solo se tutti i componenti vi concorrono: in particolare il pavimento che, più che offrire il semplice piano di appoggio alle attività, costituisce il più efficace medium per la distribuzione degli imprescindibili impianti tecnologici.

net2 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Pavimenti Sopraelevati Nesite – Net Center

Il pavimento sopraelevato è stato scelto perché si colloca in un auspicato processo di sviluppo della costruzione contemporanea, in cui dal medioevo della calce e mattone si possa passare all’industrializzazione portando standard, qualità, velocità, permettendo all’edilizia di stare al passo con le altre produzioni.

Nel caso del Net Center si è potuto realizzare, grazie al contributo del brand Nesite, un pavimento sopraelevato con dimensioni speciali (607,50 x 607,50 mm), per adattarsi al modulo dell’edificio e rispettare quindi la geometria molto rigorosa delle costruzioni.

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Pavimento Sopraelevato Nesite – Net Center

Il pavimento è stato realizzato con svariati materiali che hanno, per così dire, variamente declinato il nero: linoleum, gres porcellanato e ardesia naturale a spacco, un materiale che, nonostante le sue caratteristiche irregolarità, si è potuto adattare anche su sopraelevato, senza rinunciare quindi a tutti i vantaggi che questo sistema comporta.

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

- Pavimento Sopraelevato Nesite in ardesia naturale a spacco

  • STUDIO DI ARCHITETTURA LVL

Lo studio LVL Architettura nasce nel 2006 dall’incontro fra Aurelio Galfetti e Luciano Schiavon proprio sulla scia della loro collaborazione alla realizzazione del Net Center di Padova e giusto in questo complesso è insediato dalla fondazione.

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

LVL Architettura

Aurelio Galfetti è uno dei maestri riconosciuti della cosiddetta “scuola ticinese” che ne unisce il nome a quelli di Mario Botta, di Luigi Snozzi e del compianto Livio Vacchini; tutti allievi del caposcuola Rino Tami.

 Il Progetto del Mese: Net Center Padova

Architetto Aurelio Galfetti

Galfetti si è imposto sulla scena architettonica europea già alla fine del 1960 con il bagno pubblico della sua città, Bellinzona, un progetto precursore, che delinea con chiarezza il tema caratterizzante la sua ricerca architettonica, incentrata sul rapporto essenziale che l’architettura instaura con il territorio.

Lo studio LVL Architettura segue i lavori in Italia di Aurelio Galfetti in collaborazione con Luciano Schiavon: oltre all’Adià Center di Padova ultimato nel 2008 e al Net Center sempre a Padova, ultimato nel 2010, sono stati recentemente portati a compimento due cantieri: al Lido di Jesolo la sistemazione delle facciate della torre G House e la riqualificazione della Piazza Indipendenza a San Donà di Piave. Numerosi anche i progetti in attesa o in fase di realizzazione: a Padova il quartiere IR2 San Lazzaro (2008), i progetti Net Corner e Net  Residence (2009), a Jesolo Lido, a Treviso e Venezia.

Nesite entra nel Data Center della Biblioteca Vaticana

L’interno del Data Center della Biblioteca Apostolica Vaticana cambia veste grazie ai nostri pavimenti sopraelevati. Il rifacimento totale della pavimentazione –che si è reso necessario per sostituire un pavimento danneggiato – copre una superficie di circa 200 mq.

Sia per i 90 mq adibiti ad uffici operativi  che per la zona in cui vi sono macchinari e apparati tecnici (circa 100 mq) sono stati utilizzati i pannelli Nesite in solfato e laminato. 

pavimento nesite bav Nesite entra nel Data Center della Biblioteca Vaticana

Data Center – Biblioteca Apostolica Vaticana

Un percorso in vetro circonda il perimetro dei macchinari creando “un camminamento” per rendere esteticamente più bello l’intero progetto. I pannelli sono in vetro, e fanno parte della nostra linea High Class: nello specifico sono stati utilizzati 10 pannelli in vetro trasparente a cui sono stati applicati degli “stencil” con il logo della Biblioteca Apostolica Vaticana e altri 12, opachi e privi di scritte. Tutta la pavimentazione in vetro ha dimensioni di 600x600x26 mm  con un’anima costituita da tre strati di vetro trasparente accortati tra loro con un film in materiale plastico di spessore 8+10+8 mm formanti un corpo unico di spessore 26mm bordati in materiale plastico semirigido, autoestinguente ed antiscricchiolo.

datacenter 7 Nesite entra nel Data Center della Biblioteca Vaticana

I Pavimenti Nesite all’interno del Data Center della Biblioteca Vaticana

Il progetto è nato per la digitalizzazione dell’archivio segreto e dei testi antichi conservati nella Biblioteca Apostolica Vaticana. Nel Data Center si immagazzinano dati di vario genere come, ad esempio la registrazione  del controllo accessi ai tornelli, il controllo di contatti di posta elettronica, ecc. Inoltre l’archivio sarà presto dotato di uno scanner di ultima generazione, capace di leggere testi di manoscritti e antiche pergamene non consultabili fisicamente. Questo permetterà lo studio e il recupero di antichi testi, fotografando i documenti in profondità, superando circa 8 strati, per inviarli poi al Data Center per acquisizione. 

Per questo progetto abbiamo tenuto conto, non solo dell’aspetto tecnico, ma anche delle esigenze del cliente in termini di tempi di installazione e posa in opera: per non disturbare il consueto svolgimento lavorativo infatti, i nostri tecnici hanno smontato il vecchio pavimento danneggiato in più tranche (circa 50 mq alla volta) per poi sostituirlo e installarlo senza creare disagi agli addetti ai lavori.

Per maggiori informazioni sul progetto o sui nostri prodotti potete compilare il seguente form:

[contact-form-7 404 "Not Found"]

———–

Thanks to the Nesite raised floor, the inside of the Data Center of the Vatican Apostolic Library has changed. The entire renovation of the pavement – that it was necessary to replace an injured floor – covers an area of ​​about 200 square meters.

For both the 90 meters of office space and that for the operational area where there are machinery and technical equipment (100 sqm) were chosen sulphate and laminate panels.

A glass corridor surrounds the perimeter of the machinery creating “a path” to make the entire project more aesthetically pleasant. The panels are made of glass, and belong to the High Class Nesite product line: precisely, were used 10 clear glass panels to which were decal with the Vatican Library logo, and 12 more dull panels without any written. The entire glass flooring has a dimension of 600x600x26mm, with a core made of  three transparent glass layers linked together with a plastic film of 8 +10 +8 mm thickness making a single body of 26mm thickness edged with a plastic semi-rigid, self-extinguishing and antisqueak material.

The project was created for the digitization of the secret and ancient texts preserved in the Vatican Library. Various kind of data are stored of in the Data Center such as, for example the registration of the access control to the turnstiles, the control of email contacts, etc.. In addition, the archive will soon be equipped with the latest generation of scanners capable of reading texts of manuscripts and ancient scrolls not available physically. This will allow the study and recovery of ancient texts, photographing documents in depth, exceeding about 8 layers, then send them to the Data Center for the  acquisition.

For this project, we have taken care not only the technical needs but also the requirements of the customer in terms of timing and installation: as to not disturb the normal operations of the business, in fact, our technicians have removed the old damaged floor in several tranches (about 50 square meters at a time) and then replace and install it without creating inconvenience to the workers.

“A tu per tu con Nesite” Antonio Grasso

Ing. Antonio Grasso, Responsabile Tecnico Nesite 

antonio grasso1 A tu per tu con Nesite Antonio Grasso

Antonio Grasso

Ciao Antonio, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo 140 caratteri, così ne esce proprio un “tweet”?

Sono responsabile delle scelte di natura tecnica, progettuale e gestionale con particolare riferimento alla qualità del prodotto e alle sue  prestazioni. Mi occupo della  ricerca di  nuove soluzioni produttive e nuovi prodotti. Eseguo la preventivazione di  progetti speciali, organizzo prove e verifiche sui prodotti finiti al fine della omologazione di prodotto nonché le prove di certificazione presso i laboratori esterni.

Da quanto tempo lavori per Nesite e come è nato il vostro rapporto di collaborazione?

Lavoro in Nesite dal 2006 in seguito alla  fuoriuscita da una azienda ad alto contenuto tecnologico nella provincia di  Padova  dove ho lavorato per circa 13 anni come ingegnere nel reparto Ricerca&Sviluppo. Il rapporto di collaborazione  è nato casualmente rispondendo ad un annuncio  per la figura di responsabile dei servizi tecnici. Il settore di appartenenza da cui provenivo era completamente diverso da quello che stavo per affrontare ma la preparazione tecnica di base e le esperienze professionali passate hanno  contribuito a formare un solido legame con la società.

Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

La missione di Nesite è quella di essere un punto di riferimento nel proprio settore in merito a qualità, affidabilità del prodotto e dei servizi ad esso collegati, al fine di ottenere la completa soddisfazione del cliente.

Il nostro lavoro  si concretizza nei seguenti principi: 

  • Lavoriamo con entusiasmo per soddisfare le giuste richieste dei clienti.
  • Lavoriamo per dare reddito alla nostra attività al fine di sviluppare e consolidare la nostra Azienda.
  • Lavoriamo in sicurezza in un ambiente che promuove la salute ed il benessere dell’individuo.
  • Siamo rispettosi dell’ambiente esterno e dei nostri fornitori.

La caratteristica che  mi piace maggiormente è questa:

  •  Viene promossa  la realizzazione di ciascun individuo  dove nessuno è  escluso da percorsi di crescita professionale.

Quali sono le chiavi del successo tuo e del tuo team nel mercato di oggi?

Nesite si pone come obbiettivo strategico la soddisfazione del cliente sia esterno che interno, da conseguire attraverso il miglioramento continuo di tutti i processi aziendali, sviluppando ed applicando  un sistema di organizzazione aziendale in accordo alla UNI EN ISO9001.

 • Ci spieghi in breve, visto il tuo ruolo, a cosa serve il pavimento sopraelevato?

 Il Sistema Pavimento Sopraelevato “Nesite” risponde appieno alle esigenze di flessibilità degli odierni ambienti di lavoro grazie alla totale libertà di definizione del progetto, alla semplicità di installazione e manutenzione, all’integrità strutturale e all’ampia gamma di finiture. Gli elementi portanti del Sistema, brevettati e costruiti in acciaio zincato con guarnizioni superiori in materiale plastico conduttivo, consentono di elevare il pavimento di un’altezza compresa tra i 4 e i 170 cm. I pannelli di norma misurano cm 60×60 e sono disponibili in vari spessori e materiali (truciolare, materiale inerte o compositi). La superficie superiore dei pannelli è compatibile con un’ampia scelta di coperture, appoggiate o permanenti, altamente resistenti all’usura e praticamente  esenti da manutenzioni.

• Perchè consiglieresti un pavimento sopraelevato rispetto ad uno tradizionale?

Il Sistema permette  qualsiasi modificazione successiva senza disagio alcuno in quanto il pavimento originale non viene scalfito e la rete di cavi e tubazioni corre nell’intercapedine tra la struttura portante del pavimento sopraelevato e i pannelli di superficie.

E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

I social network non sono solo una rete di contatti per la ricerca di amicizie, la condivisione di interessi ludici attraverso il Web, il recupero di antiche conoscenze o frequentazioni scolastiche e universitarie; non sono solo ricerca di partner affettivi o di compagni di viaggio per vacanze o avventure. Esiste, infatti, una grande “rete” di social network che si occupano di mettere in comunicazione imprese e professionisti, aziende e persone in cerca di prima occupazione, oppure di far dialogare società con diverse caratteristiche al fine di condividere o costruire un business comune (LinkedIn, Plaxo, ecc.)

E’ il caso, ad esempio di Xing, il business social network tra i leader in Europa (ovviamente nato e gestito in Germania), con oltre 7 milioni di utenti che lo utilizzano, in 16 lingue, per lavoro, affari e carriera.

Con la community di Xing si ha la possibilità di ricercare nuovi contatti o business partner per instaurare una collaborazione professionale, ampliare la propria presenza nei mercati locali ed internazionali, e si possono  anche rafforzare i rapporti di  business e riscoprire contatti stabiliti in precedenza e successivamente perduti.

Pertanto bisogna essere aperti al massimo a queste nuove opportunità che la rete mette a disposizione, cercando come sempre di sfruttarle nella maniera corretta senza cadere in sterili conversazioni e dibattiti.

 Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

  • Innovativa
  • Competitiva
  • Internazionale

• Tre buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2012? 

  • Completare lo sviluppo di un nuovo prodotto con particolare attenzione agli aspetti ambientali
  • Sviluppare il mercato internazionale dell’ High-class (prodotti ad alto valore aggiunto)
  • Ottimizzare l’organizzazione aziendale aumentando la circolazione delle informazioni che dal cliente devono arrivare corrette fino alla produzione.

 • Cosa ti aspetti per questo futuro in azienda?

Mi aspetto uno sviluppo del mercato internazionale anche in quei paesi da sempre poco generosi nei confronti dei prodotti italiani (Germania, Inghilterra, Francia) perché i nostri prodotti  in termini di qualità e prestazioni sono allo stesso livello dei loro e questo lo verifichiamo giornalmente confrontandoci con i clienti di tutto il mondo.

Non molto tempo fa abbiamo avuto dei riscontri positivi in termini di resistenza del nostro pavimento ai terremoti (Nuova Zelanda)  questo a dimostrare l’affidabilità del nostro prodotto che ci ha visto  pionieri nella sua progettazione.

 

 

Apre “Spazio Eventi“ lo showroom del CDN: all’interno i pavimenti sopraelevati Nesite

Venerdì 19 ottobre durante la settimana del Made Expo a Milano, e  in occasione della riunione periodica del CDN, rete di imprese di cui Nesite è parte, si è tenuto a “battesimo” lo “Spazio Eventi”.

spazio eventi milano Apre “Spazio Eventi“ lo showroom del CDN: all’interno i pavimenti sopraelevati Nesite

Spazio Eventi Milano

Si tratta di uno showroom di Ares Line & Partners dedicato ad incontri ed eventi con architetti e operatori del settore. L’Iniziativa del CDN è stata realizzata in collaborazione con Area Ufficio, concessionario di Ares Line di Milano.

All’interno del nuovo Spazio Eventi, in Via Gian Galeazzo a Milano, è presente il pavimento sopraelevato Nesite in gres e vetro.

pavimento nesite 800x600 Apre “Spazio Eventi“ lo showroom del CDN: all’interno i pavimenti sopraelevati Nesite

Pavimento Sopraelevato Nesite – Nesite Raised Access Floors

L’obiettivo del Contract Design Network è quello di condividere strumenti per proporsi al mercato come partner globale nell’ambito degli spazi pubblici e uffici. Questa sinergia consente di aumentare la competitività, realizzare innovazioni e promuovere l’internazionalizzazione. Il networking diventa così elemento di apertura e di sviluppo, requisiti fondamentali nella competizione globale, ma permette alle aziende di mantenere la propria individualità e le specifiche competenze, al fine di offrire al cliente la massima specializzazione.

A breve sarà online il sito web di Contract Design Network, dove poter avere notizie sempre aggiornate su tutte le iniziative della rete d’impresa CND.

——————

Friday, October 19th, during the Made Expo week in Milan, and in concomitance with the recurrent Contract Design Network meeting, a firms network which includes Nesite, the “Spazio Eventi” was officially born.

It is an Ares Line & Partners showroom dedicated to meetings and events with architects and players involved. This CDN’s initiative has been realized in collaboration with Area Ufficio, Milan’s Ares Line licensee.
Inside this new space of Spazio Eventi, located in Via Gian Galeazzo in Milan, can be found the raised access floor from Nesite, made in stoneware and glass.

Contract Design Network‘s purpose is to share tools to act as a global business partner for public spaces and offices. This synergy allows to increase competitiveness, innovation and can lead to internationalization. So networking not only grants opening and development, basic requirements with global competition, but also allows companies to maintain their individuality and specific skills, in order to offer customers the most accurate specialization possible.

A tu per tu con Nesite: Andrea Chiodetto

Andrea Chiodetto: Responsabile Spedizioni Estero Nesite

logistica1  A tu per tu con Nesite: Andrea Chiodetto

 - Reparto Spedizioni Nesite

• Ciao Andrea, vuoi raccontarti in poche parole, magari solo 140 lettere così ne esce proprio un “tweet”?

Mi reputo un ragazzo curioso e intraprendente, ho voglia di crescere professionalmente, e in Nesite spero di trovar la mia dimensione.

• Da quanto tempo lavori per Nesite e come è nato il vostro rapporto di collaborazione?

 Vengo da un’azienda del gruppo che si occupa di imballaggi industriali e logistica. Lavoro per Nesite da 3 anni, sono entrato in sostituzione di una brava collega nella gestione delle spedizioni estero. Da pochi mesi mi è stato assegnato un nuovo incarico nella gestione degli acquisti in affiancamento con altri colleghi.

• Potrà essere una domanda certamente di parte, ma per noi sarebbe interessante sapere da te quali sono i valori e le caratteristiche che maggiormente ti piacciono dell’azienda?

Le persone che ci lavorano e l’azienda in sé è ricca di storia ed esperienza, qui per una persona che vuole imparare c’è solo che da sbizzarrirsi. Nel mio settore, le spedizioni all’estero, ogni giorno si imparano leggi e regolamenti nuovi di un paese e riuscire a portar a destinazione senza problemi ogni ordine è una grande soddisfazione.

• Quali sono le chiavi del successo tuo e del tuo team nel mercato di oggi?

Al giorno d’oggi secondo me bisogna esser dinamici e riuscire a dare al cliente quanto prima il prodotto che cerca. Promuovere il Made in Italy che è un enorme risorsa e biglietto da visita per le aziende italiane.

• E dei social network cosa ne pensi? Lo ritieni un reale strumento di passaparola tra gli utenti e di comunicazione/dialogo tra azienda e cliente?

Io non sono un grande estimatore dei social, preferisco incontrare amici e persone in qualche locale o ad eventi, però per una azienda che vuole essere al passo con i tempi penso possa essere un modo diretto e innovativo per raggiungere nuovi clienti e promuovere il prodotto.

• Se dovessi descrivere Nesite con 3 aggettivi quali sceglieresti?

Storica” perché il pavimento sopraelevato in Italia, da sempre, è associato al nome NESITE.

Dinamica” perché sa adattarsi alle esigenze del mercato e sa proporsi nel miglior modo al pubblico.

Solida” perché alle spalle c’è un importante gruppo che vuole rilanciare il nome e il prodotto.

• I buoni propositi a livello lavorativo e personale per il 2013?

 A livello lavorativo di riuscire ad esser indipendente nel nuovo incarico che mi è stato assegnato.

A livello personale di riuscire a fare un viaggio che sogno da tempo, in America.

• Cosa ti aspetti per questo futuro in azienda?

 Che il lavoro aumenti sempre più e che possiamo prender un progetto in ogni Paese per poter dire che siamo ovunque.

logistica2  A tu per tu con Nesite: Andrea Chiodetto

-  Reparto Spedizioni Nesite - 2

Ringraziamo Andrea per averci raccontato il suo ruolo all’interno di Nesite e le sue aspettative, sia lavorative che personali.

Con A tu per tu con Nesite ci rivediamo il mese prossimo, con un nuovo protagonista!

Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Abbiamo deciso di dedicare un post al nuovo nato in casa Nesite.

Si tratta di Tetris FLOOR un nuovo sistema di pavimento sopraelevato ad incastro. Tra i molti vantaggi del pannello, la variante Tetris KLIMA, il sistema radiante per il riscaldamento e raffrescamento della pavimentazione, permette una maggiore libertà nella progettazione: la presenza di antiestetici fancoils o caloriferi può limitare la creatività degli architetti. Al contrario, con Tetris KLIMA si liberano spazi e si può sfruttare ogni angolo del locale.

 

tetris1  Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Tetris FLOOR

Grazie alla speciale lavorazione maschio/femmina sulla costa del pannello, il sistema Tetris permette la posa a secco, senza uso di acqua,  il che riduce notevolmente i tempi di costruzione, azzerando i problemi dovuti all’asciugatura, ed alle possibili infiltrazioni di umidità.

Nel creare questo nuovo sistema ad incastro, Nesite, ha tenuto conto sia della resistenza ai carichi sia della durata nel tempo del prodotto, rendendole caratteristiche fondamentali di Tetris FLOOR. I pannelli arrivano già pronti per la posa in cantiere: in fabbrica infatti  viene applicato su ciascuno uno strato di primer – una vernice antipolvere –  per proteggerli durante il trasporto e la posa, in modo da garantire già dall’inizio un’ottima protezione all’abrasione.

tetris2  Tetris Floor, il nuovo pavimento sopraelevato ad incastro

Tetris FLOOR – il sistema ad incastro -

Il pannello Tetris è composto da solfato di calcio, un materiale classificato in classe A1,  non combustibile secondo le vigente norme europee.

Tetris FLOOR permette l’implementazione di Tetris KLIMA, un sistema di riscaldamento e raffrescamento radiante applicato al pavimento sopraelevato.

Tutto ciò consente  di ottenere nell’arco dell’anno un migliore comfort climatico ed assicurare, nello stesso tempo, un efficiente consumo energetico.

Con Tetris KLIMA la variazione di temperatura si consegue in modo “dolce”, senza alcun movimento d’aria.

Per informazioni più dettagliate potete contattarci anche qui!