About G.Jacob

Here are my most recent posts

Author Archives: G.Jacob

wgbw 2018 - i progetti leed con pavimenti Nesite

WGBW 2018: la “top 5″ dei progetti ecosostenibili con pavimenti Nesite

Nella settimana mondiale dell’edilizia a basso impatto ambientale (World Green Building Week, dal 24 al 30 settembre 2018) migliaia di sostenitori in tutto il mondo promuovono iniziative di sensibilizzazione per rendere i nostri edifici più green e contribuire ad un mondo più sostenibile.

Il nostro impegno? Ve lo vogliamo raccontare attraverso una raccolta di progetti green certificati, dove i prodotti  Nesite hanno contribuito all’aggiudicazione dei crediti relativi ai pavimenti sopraelevati.

05. WILBERG ATRIUM, Norvegia

wilberg WGBW 2018: la top 5 dei progetti ecosostenibili con pavimenti Nesite

Wilberg Atrium è l’edificio polifunzionale firmato Griff Arkitektur, progettato per ottenere la massima efficienza energetica.

E’ stato completamente dotato di un sistema UFAD  (Underfloor Air Distribution) integrato dal pavimento sopraelevato Nesite in grado di distribuire in maniera ottimale i flussi d’aria nelle operazioni di riscaldamento e raffreddamento dei locali.

L’immobile ha ricevuto la certificazione BREEAM classe A, la massima valutazione in termini di “prestazioni energetiche” di un edificio.

04. deltaROSSO by delta ZERO, Svizzera

deltazero diffuse WGBW 2018: la top 5 dei progetti ecosostenibili con pavimenti Nesite

Pensato per la massima riduzione delle emissioni inquinanti, deltaROSSO è l’edificio residenziale high – tech progettato per raggiungere lo standard deltaZERO (zero consumi e zero emissioni).

Caratterizzato da finiture di design e dotato delle più avanzate tecnologie per il comfort abitativo, l’edificio dispone di un impianto di riscaldamento a terra realizzato con il nostro pavimento Diffuse, il sistema radiante brevettato che garantisce un perfetto isolamento termico e un risparmio energetico superiore al 35%.

DeltaZERO è certificato Minergie P, standard di costruzione con requisiti molto restrittivi che impone un impiego razionale dell’energia, migliorandone al contempo la qualità di vita.

03. CHRISTCHURCH CIVIC BUILDING, Nuova Zelanda

christchurch WGBW 2018: la top 5 dei progetti ecosostenibili con pavimenti Nesite

Christchurch Civic Building è stato definito l’edificio più eco – compatibile della Nuova Zeelanda e rappresenta un’importante opera di recupero architettonico a cura dello studio Athfield Architects.

L’immobile utilizza tecnologie dedite all’ottimizzazione delle risorse come la minicentrale che crea energia da materia raccolta in discarica, l’adopero dell’acqua piovana per lo scarico delle toilettes oppure il recupero dell’energia generata dai freni degli ascenssori.

Nesite ha dovuto principalmente soddisfare le caratteristiche antisismiche previste del progetto, fornendo diverse soluzioni che includevano la realizzazione di un pavimento dotato di ”bracing system” e strutture speciali, con altezze fino a 175 cm.

Christchurch Civic Building è un edificio pluripremiato e certificato LEED Platinum.

02. BANCO POPULAR di Madrid

banco popular WGBW 2018: la top 5 dei progetti ecosostenibili con pavimenti Nesite

Progettato dallo studio Arquitectos Ayala, la nuova sede del Banco Popular a Madrid (Abelias Building) è stata concepita seguendo il protocollo “well“, lo standard che coniuga efficienza e benessere.

Con un orientamento lungo l’asse nord – sud, si è raggiunto l’obiettivo di creare uno spazio di lavoro piacevole, funzionale ed efficiente, caratterizzato da luce naturale e ampi spazi aperti. Oltre alle varie tecnologie adoperate per ridurre l’impatto ambientale, l’edificio incorpora anche misure come la promozione di trasporti sostenibili o la raccolta di acqua piovana per l’irrigazione dei giardini.

I pavimenti Nesite (una fornitura di oltre 30 000 mq) sono stati inseriti in questo contesto di edilizia d’eccellenza grazie allo loro specifiche ecosostenibili come l’utilizzo di materiali riciclati e riciclabili al 99%.

La sede del Banco Popular è un edificio certificato LEED Gold.

01. LOUVRE ABU DHABI

LOUVRE WGBW 2018: la top 5 dei progetti ecosostenibili con pavimenti Nesite
Progettato da Jean Nouvel, vincitore del premio Pritzker, il Louvre di Abu Dhabi è uno dei progetti culturali più ambiziosi.

Gran parte della sostenibilità dell’edificio è conferita proprio dagli elementi architetturali come la cupola, il cui complesso modello geometrico crea, oltre ad uno straordinario effetto visivo,  un “microclima” autoregolato che garantisce isolamento termico, ventilazione e un notevole risparmio energetico. 

Il pavimento del Louvre di Abu Dhabi è un’installazione di enorme complessità, che ha incluso la progettazione di una soluzione certificata antisismica, dotata di  “bridging” e “bracing system”.

E’ stato interamente realizzato adoperando formati speciali, diventando simbolo delle competenze Nesite nel creare un pavimento “sartoriale“. La produzione dei pannelli in marmo proveniente dall’Oman è stata effettuata a Sharjah (UAE), con un raggio d’azione inferiore a 800 km tra luogo di estrazione, lavorazione e cantiere.

Il Louvre di Abu Dhabi è un edificio certificato LEED Platinum.

NYU Art Gallery

Mostra “Ways of Seeing”: la manipolazione della percezione alla NYU Art Gallery Abu Dhabi

La NYU Abu Dhabi Art Gallery inaugura la stagione autunnale con “Ways of seeing ”(Modi di vedere), la mostra a cura di Sam Bardaouil e Till Fellrath, fondatori della piattaforma Art Reoriented, e co – presidenti della Montblanc Cultural Foundation.

pavimenti Nesite NYU Abu Dhabi1 Mostra “Ways of Seeing”: la manipolazione della percezione alla NYU Art Gallery Abu Dhabi

Ways of Seeing. Installation view at NYU Abu Dhabi Art Gallery, 2018

Fino al 17 novembre, “Ways of seeing”, il cui nome e concetto è basato sull’omonima opera di John Berger del 1972 sulla cultura visiva, riunisce le creazioni di 26 artisti contemporanei di fama mondiale e raccoglie 41 opere tra fotografie, dipinti, installazioni, sculture, video.

Lo scopo dei curatori è quello di illustrare, attraverso i lavori esposti, le varie strategie impiegate per (ri)configurare e veicolare la nostra percezione: una molteplicità di linguaggi per indagare l’importanza dell’osservazione, i suoi inganni e le sue possibilità.

pavimento sopraelevato parquet NYU Abu Dhabi 02 Mostra “Ways of Seeing”: la manipolazione della percezione alla NYU Art Gallery Abu Dhabi

Ways of Seeing. Installation view at NYU Abu Dhabi Art Gallery, 2018

Il curatore Sam Bardaouil afferma: “Gli artisti usano la forma e la tecnica per esprimere qualcosa su se stessi e sul mondo. Ognuna delle opere in mostra ci invita a dare una seconda occhiata, su cui i contorni di una nuova realtà cominciano ad emergere “.

Till Fellrath, invece, dichiara: “Incoraggiamo gli spettatori ad essere attivi piuttosto che passivi nel modo in cui guardano le opere di questa mostra. Non esiste un modo “corretto” di guardare l’arte, ogni reazione è unica, frutto di esperienze personali. Ci auguriamo che il nostro pubblico ne diventi consapevole”.

Abu Dhabi // fino al 17 novembre 2018
Ways of seeing
NYU ABU DHABI ART GALLERY
Saadiyat Island
www.nyuad-artgallery.org

pavimento sopraelevato parquet NYU Abu Dhabi 01 Mostra “Ways of Seeing”: la manipolazione della percezione alla NYU Art Gallery Abu Dhabi

Ways of Seeing. Installation view at NYU Abu Dhabi Art Gallery, 2018

La galleria d’arte dell’Università di New York ad Abu Dhabi è uno dei 29 edifici che formano il complesso universitario ideato da Rafael Vinoly Architects e inaugurato nel 2014,  progetto nel quale la nostra azienda è stata coinvotla nella realizzazione dell’intera pavimentazione, circa 13.000 mq tra spazi accademici, culturali, residenziali e laboratori.

VEDI PROGETTO NYU ABU DHABI »

Pavimenti sopraelevati Nesite per la sede Stiga

STIGA: la nuova sede GREEN sceglie i pavimenti Nesite

Un cantiere da record e una rete di fornitori esclusivamente locali: STIGA, realtà svedese leader nella produzione di attrezzature da giardinaggio, ha inaugurato la nuova sede direzionale dopo soli 10 mesi dall’inizio dei lavori.

Il nuovo headquarter si sviluppa su tre livelli, per una superficie totale di 2.500 mq, ed è stato pensato per creare un ambiente di lavoro stimolante e dinamico, favorendo lo scambio di informazioni e idee fra chi lo vive e vi lavora.
interno sede Stiga STIGA: la nuova sede GREEN sceglie i pavimenti Nesite

Interno STIGA – © D+R Architettura

DESIGN FUNZIONALE, MATERIALI BIOCOMPATIBILI, RISPARMIO ENERGETICO: le scelte in linea con i valori di un’azienda che punta su tecnologia e innovazione, nel rispetto dell’ambiente e delle persone.

Oltre l’80% del materiale adoperato è riciclabile e sono state coinvolte esclusivamente aziende locali (dislocate nel raggio di 30 km di distanza dalla nuova sede) per un minor impatto ambientale anche in fase di realizzazione.

La progettazione è stata caratterizzata dall’analisi climatica del luogo, che ha portato alla definizione della “matrice ambientale” suddivisa in strategie estive e invernali valide tutto l’anno.

L’edificio è dotato di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica e di un impianto termo – tecnico a pulsione con riciclo di area interna.

Elemento distintivo le facciate, circa 1.000 mq realizzati in vetro ad alta prestazione energetica su tutti e 4 i lati, simbolo di trasparenza, accoglienza e dialogo.

Pavimenti sopraelevati Nesite sede Stiga STIGA: la nuova sede GREEN sceglie i pavimenti Nesite

Nuova sede STIGA – © D+R Architettura

Nesite è stata incaricata della realizzazione completa della pavimentazione.

Il “sistema pavimento Nesite”, attentamente vagliato dallo studio di progettazione, è composto da pannelli in solfato di calcio ad altissima densità e spessore 30 mm., rivestiti in gres porcellanato, soluzione che, oltre a soddisfare le elevate esigenze di biocompatibilità, rappresenta una ottima combinazione fra facilità di manutenzione, prestazioni tecniche e confort ambientale.

Un pavimento sopraelevato Nesite che, nel caso specifico, risponde pienamente ai requisiti richiesti, come:

  • isolamento termico, che, oltre a contribuire a migliorare le performance climatiche dell’edificio, garantisce anche massima sicurezza in caso di incendio;
  • comfort acustico, dovuto alla elevata densità del materiale di supporto che, accoppiato alla lastra di gres con un particolare sistema desolarizzante, assicura un elevato abbattimento dei rumori da calpestio;
  • prestazioni meccaniche, per un “sistema pavimento” con elevate capacità di resistenza ai carichi.

CONTATTACI »

pavimento sopraelevato in resina

4.0: il pavimento sopraelevato personalizzabile in resina

4.0 è il nuovo pavimento sopraelevato personalizzabile Nesite con finitura in resina pigmentata. Le principali caratteristiche di questo nuovo prodotto sono conferite proprio dal suo rivestimento che offre un’ampia scelta cromatica e di finiture.

4.0: la realizzazione e le prestazioni 

4.0 è un pannello con anima in solfato di calcio ad alta densità rivestito superiormente da una resina eterogenea costituita da pigmenti dispersi in un composto filmogeno che, dopo essiccazione, forma una pellicola ad alta resistenza antigraffio e antiurto.

Il pannello 4.0 è totalmente esente da formaldeide (classe EN 717-1) e contiene una vernice a basso contenuto di elementi volatili (meno di 300 μg/m³).

Nella sua realizzazione vengono adoperati esclusivamente componenti riciclabili separatamente al 100%.  

4.0: la personalizzazione

pannello 4 4.0: il pavimento sopraelevato personalizzabile in resina

Pannello 4.0 linea CONCRETE

Il pavimento 4.0 è un prodotto moderno e versatile. La gamma cromatica viene proposta in 2 versioni, PLAIN (effetto omogeneo) e CONCRETE (effetto cemento), e si ha la possibilità di scegliere tra i colori della collezione Nesite oppure direttamente dalla scala RAL.

Con il pannello 4.0, inoltre, si possono decidere:

» GRADO DI OPACITÀ, scegliendo tra la versione lucida, semilucida e opaca;

» TIPOLOGIA DI FINITURA, standard o goffrata per una maggiore resistenza anti – scivolo;

» ELEMENTI GRAFICI, inseriti tramite un particolare processo di stampa, per un’ulteriore personalizzazione del pavimento.

Pavimento sopraelevato in resina Nesite 4.0: il pavimento sopraelevato personalizzabile in resina Pannello 4.0 alcune nuances disponibili

4.0: perchè sceglierlo?

» Versatilità cromatica e di finiture, con 4.0 di può veramente ottenere un “pavimento su misura”;

» Buona resistenza all’usura, l’aspetto iniziale si mantiene nel tempo;

» Non contiene sostanze chimiche nocive alla salute;

» Riciclabile al 100%, contribuisce all’ottenimento della certificazione LEED.

SCARICA CATALOGO » RICHIEDI INFO »

progettazione sismica dei pavimenti sopraelevati

Progettazione sismica per pavimenti sopraelevati

Il mondo globalizzato offre una sfida enorme al mondo dell’ingegneria civile alla quale è possibile rispondere con competenza fornendo prodotti innovativi, sistemi strutturali altamente performanti e competenze progettuali di elevato profilo.

Su richiesta, Nesite è in grado di fornire un servizio di progettazione sismica ad hoc per soddisfare le richieste prestazionali più impegnative (azioni sismiche severe, carichi di esercizio elevati) o risolvere situazioni di installazione complesse (altezza da terra, funzionamento in assenza di confinamento).

bracing system a v rovescia Progettazione sismica per pavimenti sopraelevati

Sistema antisismico bracing a “V” rovescia su pavimento sopraelevato removibile

sistema sistmico pavimenti flottanti Progettazione sismica per pavimenti sopraelevati

La progettazione sismica può avvenire secondo i codici internazionali più diffusi. In ambito Europeo sono ormai consolidati gli Eurocodici, in particolare in ambito sismico: EN1998: Eurocodice 8 “Design for structures for earthquake resistance”.

Comunemente, si fa riferimento a IBC 2003, ASCE 7, NEHRP Provisions, SEAOC. In ambito americano non è ancora completa una piena integrazione di tutte le norme locali mentre nella penisola arabica risulta ancora assai comune l’utilizzo di UBC 1997 (Uniform Building Code).

bracing system a k Progettazione sismica per pavimenti sopraelevati

Sistema antisismico bracing a “K” su pavimento sopraelevato removibile

In contrapposizione alla solo apparente semplicità del sistema strutturale del pavimento sopraelevato, l’analisi della risposta sismica comporta spesso l’adozione di metodi di analisi numerica avanzati, arrivando anche alla implementazione di modelli di calcolo agli Elementi Finiti delle singole componentistiche, il cui comportamento di dettaglio influenza in maniera determinante la risposta sismica complessiva.

 

pavimento flottante in vetro - progetto "Leopoldine"

Progetto “Leopoldine”, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Il progetto “Leopoldine” è l’iniziativa promossa e sponsorizzata da Bonifiche Ferraresi, la più grande azienda agricola italiana, volta a contrastare il fenomeno di abbandono e degrado delle leopoldine, edifici storici della Valdichiana. Il recupero interesserà 21 delle 260 leopoldine presenti sul territorio aretino.

Il progetto è entrato nel vivo proprio alla fine dell’anno scorso con la ristrutturazione dell’intero complesso del Podere “I Granai” a Fratta Santa Caterina. La leopoldina in questione, dalla superficie complessiva di circa 1500 metri quadrati, ospiterà il nuovo centro direzionale dell’azienda Bonifiche Ferraresi.

L’intervento prevede la ristrutturazione e il restauro conservativo dello stabile, che includerà la realizzazione di:

  • un’area uffici con annessa una sala meeting al primo piano;
  • un nuovo polo di ricerca e lavorazione per le piante officinali;
  • uno spazio di accoglienza e degustazione dei prodotti all’interno dell’originario porticato coperto a vela.

L’applicazione del pavimento sopraelevato in vetro si è rivelata l’opzione ottimale, in linea con gli obiettivi progettuali che prevedevano sia la salvaguardia che la valorizzazione della pavimentazione originale.

pavimento originale leopoldina Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Dettaglio pavimento originale leopoldina

La posa del pavimento sopraelevato in processi di riqualifica di edifici storici, generalmente, si dimostra un intervento complesso, dovuto principalmente all’irregolarità del piano di appoggio.

Leopoldine: la realizzazione del pavimento sopraelevato in vetro

Il progetto, a cura dell’arch. Vincenzo La Rosa, aveva come obiettivo quello di preservare e rendere visibile nella sua totalità l’antico pavimento in mattonato di una tipica cascina toscana.

Presentava tuttavia notevoli difficoltà di realizzazione: “oltre ad essere estremamente sconnesso” - afferma Fabio di Marco, direttore commerciale di Nesite – ”erano presenti canali di scolo e vi era una posa secondo gli schemi di una volta con la classica schiena d’asino”.

Posa pavimento flottante in vetro1 Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Dettaglio posa pavimento sopraelevato in vetro

Si voleva, inoltre, evitare la consueta cornice perimetrale, anche intorno agli antichi pilastri di sostegno.

Non essendo possibile tagliare a misura in fase di installazione i pannelli in vetro extra-chiaro di spessore 32 mm, si è proceduto con un rilievo 3D per verificare le reali misure ed i fuori squadra delle murature.

Si è, di conseguenza, proceduto alla verifica delle stesse in modo di renderle modulari e simmetriche tra loro. Sono risultate necessarie ben 29 differenti misure, su un totale di circa 410 pannelli, dalla più piccola di mm. 530 x 560 alla maggiore di mm. 900 x 680.

pavimento sopraelevato in vetro Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Inizio posa pavimento in vetro

Successivamente, è stato redatto in loco (misure alla mano) il piano di posa e di ulteriore verifica di dettaglio. Iniziata l’installazione, è stato necessario un blocco chimico ed il livellamento di tutte le colonnine portanti.

Sotto al pavimento è stato previsto anche un particolare sistema di illuminazione.

Il progetto ha sicuramente messo alla prova non solo le nostre competenze tecniche, ma anche le nostre capacità di adattamento alle esigenze architettoniche.

pavimento gallegiante in vetro Progetto Leopoldine, la rinascita di un patrimonio architettonico e culturale

Pavimento flottante in vetro ultimato

Il risultato è sicuramente di altissimo livello, grazie anche alla continua e competente direzione del progettista arch. Vincenzo la Rosa, che ringraziamo per averci dato la possibilità di mostrare le infinite possibilità che offrono i pavimenti sopraelevati NESITE.

pavimento sopraelevato alla veneziana

Venice, il pavimento sopraelevato alla veneziana

Venice, il nostro pavimento sopraelevato alla veneziana, rappresenta la perfetta fusione tra le funzionalità del pavimento tecnico e le prerogative estetiche del terrazzo veneziano.

Nasce dall’esigenza di arricchire la gamma prodotti con una soluzione completamente personalizzabile, che implementi ulteriormente la versatilità del pavimento sopraelevato.

Come viene realizzato?

I pannelli adoperati per la realizzazione del pavimento sopraelevato Venice vengono prodotti utilizzando esclusivamente componenti biocompatibili quali aggregati lapidei ottenuti dalla frantumazione dei materiali di risulta delle cave, le sabbie silicee, il cemento,  coloranti e additivi di derivazione naturale.

La materia prima viene sottoposta ad un particolare processo di vibro-compattazione sottovuoto che ne determina le alte prestazioni come la resistenza agli urti, alla compressione e la scarsa assorbenza d’acqua.

La grande quantità di pietre racchiuse in ogni pannello (superiore al 75%) conferisce al pavimento un aspetto omogeneo, compatto e naturale.

finiture pavimento sopraelevato alla veneziana Venice, il pavimento sopraelevato alla veneziana

Il pavimento sopraelevato Venice mantiene costanti le sue caratteristiche tecniche ed estetiche nel tempo e può essere rinnovato o restaurato più volte dopo l’installazione tramite la lucidatura in opera.

Scegliere Venice…

Oltre ad essere una soluzione di alto profilo estetico, il pavimento sopraelevato Venice offre la possibilità di personalizzare qualsiasi aspetto in fase di progettazione (colore, tipologia di pietre, finitura, dimensioni, spessore).

Nella composizione si possono aggiungere altri tipi di materiali come vetro colorato, conchiglie o specchi, che contribuiscono ad impreziosire il prodotto finito.

venice pavimento sopraelevato alla veneziana Venice, il pavimento sopraelevato alla veneziana

Su richiesta, il pavimento Venice può essere integrato da pattern, geometrie o qualsiasi elemento grafico creato ad hoc. Questa soluzione permette di creare un ambiente di tendenza, esclusivo e dal accentuato carattere di rappresentanza.

Originalità e rispetto per l’ambiente

Venice non contiene resine o altri prodotti sintetici non compatibili con la tutela ambientale.

La produzione non necessita di cottura ad alte temperature e questo garantisce un notevole risparmio energetico.

I residui di lavorazione, in quanto di origine naturale, non inquinano.

Venice è al 100% riciclabile.

Grazie al ciclo di produzione eco-sostenibile, il pavimento sopraelevato Venice contribuisce all’ottenimento della certificazione LEED.

 

 

Salone del mobile 2018

Salone del Mobile 2018

Manca pochissimo all’inaugurazione della 57esima edizione del Salone del Mobile, l’appuntamento più importante per il mondo dell’arredo e del design rivolto ad aziende, operatori ed appassionati del settore.

Dal 17 al 22 aprile, il quartiere fieristico milanese si trasforma nel polo internazionale del design grazie a cinque manifestazioni in contemporanea: il Salone Internazionale del Mobile e il Salone Internazionale del Complemento d’Arredo, le biennali EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno ed il consueto Salone Satellite, che ogni anno presenta il lavoro di numerosi giovani e talentuosi designer internazionali.

SALONE DEL MOBILE 2018 »

 

Per consolidare il rapporto con la città, questa 57a edizione varca i confini della Fiera con il padiglione-mostra Living Nature, 500 metri quadrati allestiti in piazza del Duomo davanti a Palazzo Reale dedicati al clima e alla sostenibilità.

1523381214 carlo ratti interno mostra Salone del Mobile 2018

Il progetto è stato sviluppato insieme allo studio internazionale di design e innovazione Carlo Ratti Associati ed è un’installazione super tecnologica in cui le quattro stagioni coesistono una accanto all’altra, ciascuna con il proprio microcosmo vitale.

FUORISALONE 2018 »

Pavimenti sopraelevati Nesite nella sede Santander

Pavimenti Nesite nel nuovo quartier generale Santander a Torino

Santander, la banca spagnola che da anni ha il suo quartier generale nel capoluogo piemontese, continua a puntare su Torino e cambia quartier sede. La nuova ubicazione vanta un passato importante, il palazzo ha ospitato a lungo il centro di formazione dei dirigenti della casa automobilistica Fiat.

La nuova direzione generale del Gruppo Santander ha un’estensione di circa 7000 metri quadri ed è stata realizzata salvaguardando la facciata storica tutelata dalle Belle Arti. All’interno lavorano circa 400 dipendenti, la parte più consistente del personale italiano della banca (in tutto ci lavorano circa 750 persone).

«Gli spazi interni — spiega Guido Piacenza, a capo delle risorse umane di Santander Consumer Bank — sono stati organizzati a misura d’uomo e di team: postazioni ergonomiche con arredi dai materiali e toni caldi, ampi open space, aree di co-working e salette per le riunioni. Abbiamo anche previsto un’area ristoro per i nostri colleghi, dotata di circa 50 postazioni a sedere destinate al consumo dei pasti, in modo da agevolarli il più possibile nell’equilibrio dei tempi della vita professionale e personale».

Top Employer Italy 2018 300x137 Pavimenti Nesite nel nuovo quartier generale Santander a Torino

L’attenzione per i propri collaboratori ed il sostegno nei percorsi di sviluppo professionale non sono passati inosservati: Santander Consumer Bank è stata certificata Top Employers Italia 2018, prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno dal Top Employers Institute alle imprese con eccellenti ambienti di lavoro e avanzate politiche di gestione delle Risorse Umane.

PAVIMENTI SOPRAELEVATI NESITE PER IL NUOVO HQ SANTANDER

Nesite è stata scelta per la fornitura e l’installazione di tutta la pavimentazione: oltre 6000 mq di pavimento sopraelevato su struttura MPL (struttura con sistema ad incastro che riduce notevolmente i tempi di installazione) e pannelli in solfato di calcio ad alta densità.

Il gres porcellanato è il rivestimento ottimale in questa tipologia di ambiente a traffico sostenuto, grazie alla sua elevata resistenza all’abrasione e all’usura.

PAVIMENTI NESITE NEL BANCO SANTANDER Pavimenti Nesite nel nuovo quartier generale Santander a Torino

CONTATTACI

Passerella Polo Intermodale Ronchi dei LEgionari

Il nostro Twin Floor Outdoor per il Polo Intermodale di Ronchi

 Il Polo Intermodale, dopo 29 anni d’attesa, diventa realtà: Ronchi sarà il primo aeroporto del Nordest collegato con la linea ferroviaria.

I lavori, iniziati il 23 gennaio dello scorso anno, sono quasi giunti al termine: 395 giorni per la realizzazione di un’opera attesa dal 1988, anno in cui veniva inserita nel piano regionale dei trasporti. Il 19 marzo 2018 previsto il primo dei 70 treni giornalieri.

Il progetto comprende:

  • una nuova fermata ferroviaria;
  • una nuova autostazione con 16 stalli in linea per i bus;
  • una superficie pedonale di 2800 metri quadrati ed una sala d’aspetto climatizzata;
  • un parcheggio multipiano con una capacità di 500 posti auto;
  • un parcheggio a raso della capacità complessiva di 1000 posti auto;
  • una passerella sopraelevata lunga 425 metri;

Proprio per questa passerella, che caratterizza il nuovo scalo aeroportuale, Nesite ha fornito ed installato oltre 2000 mq di pavimento sopraelevato per esterno.


La scelta dei materiali è stata curata nei minimi dettagli; la pavimentazione dovrà sostenere un flusso pedonale elevato fin dal principio, che aumenterà notevolmente nel corso del tempo grazie alla politica di sviluppo del territorio promossa dalla regione Friuli-Venezia-Giulia.

Twin floor outdoor, il nostro pannello costituito completamente da componenti riciclati, pressati e sinterizzati ad altissime temperature, si è rivelato l’opzione ideale grazie alle sue elevate prestazioni termo-igro-meccaniche specifiche per ambienti sottoposti ad alto traffico ed ad escursioni termiche estreme.

Per questo progetto è stata eseguita una lavorazione speciale del pannello, utilizzando specifici ancoraggi chimici che garantiscano e mantengano inalterate nel tempo le proprietà della pavimentazione.